mercoledì, Aprile 21, 2021

Insetti, il cibo di domani

Ultime News

Filippo di Edimburgo primo presidente del WWF

Il Principe Filippo di Edimburgo è stato cofondatore e primo presidente del WWF Internazionale, dal 1981 al 1996. Emerito...

Dispositivi di Protezione Individuale pericolosi per l’ambiente

Per salvare la nostra specie dalla pandemia causata dal Coronavirus, l’uomo ha attuato una serie di misure che hanno...

Cicloturismo: l’Italian Green Road Award 2021

Al via le candidature per “Italian Green Road Award 2021”, sesta edizione dell’Oscar italiano del cicloturismoPartono le candidature per...

Il Centro Ricerche ENEA della Trisaia (Matera) è riuscito ad “allevare” un insetto con scarti alimentari e cerealicoli.

Alimenti da insetti allevati con scarti alimentari

Scopo dell’esperimento ricavare farine per alimenti; per il test è stato scelto il “Tenebrio molitor.

Detto anche “tarma della farina”, il Tenebrio molitor” è facile da allevare. È un insetto pulito, non richiede cure particolari e si nutre di alimenti facilissimi da reperire.

In via di esaurimento le risorse naturali della Terra

L’eccessivo sfruttamento del pianeta, da parte dell’uomo, sta esaurendo le risorse naturali della Terra. Tuttavia, l’uomo continua a produrre sempre maggiori quantità di energia e alimenti.

Oggi, per ottenere 1 libbra di carne – poco meno di mezzo chilogrammo -, è necessario impiegare in media 25 libbre di mangime. Per contro, per produrre 1 libbra di grilli, per esempio, sono sufficienti 2 libbre di mangime. La differenza, come si vede, è notevole.

Questa differenza è dovuta anche al fatto che gli insetti, rispetto agli animali da macello, mammiferi e volatili, si riproducono a una maggiore velocità.

Il ciclo vitale del “Tenebrio molitor” dura dai 130 ai 220 giorni. Si divide in quattro fasi: uovo, larva, pupa e coleottero adulto.

Secondo ricerche di mercato, entro il 2054, le fonti alternative supereranno un terzo della produzione globale di contenuti nutritivi.

Novelfood, le nuove farine per l’alimentazione umana

Nuove farine proteiche saranno prodotte sia per mangimi animali sia per l’alimentazione umana (novelfood).

ENEA, centro di Trisaia, allevamento di insetti - Pupe e nuovi adulti

ENEA, centro di Trisaia, allevamento di insetti – Pupe e nuovi adulti. «L’allevamento di insetti – evidenzia l’entomologo ENEA Ferdinando Baldacchinocon sottoprodotti dell’industria agroalimentare risponde pienamente ai principi dell’economia circolare. Partendo quindi dalla crusca – l’alimento principale del “Tenebrio molitor” – siamo riusciti a ottenere nuovi prodotti dal maggior valore aggiunto».

Il “novelfood” sarà composto di farine ricche di vitamine e minerali per l’alimentazione dell’uomo. E, in base alla “dieta” somministrata agli insetti, sarà possibile modulare anche le caratteristiche del prodotto finale.

Infatti, con diete specifiche, sarà possibile “migliorare le composizioni di amminoacidi, il rapporto in acidi grassi, il contenuto in omega 3 e la biodisponibilità di vitamine e minerali come ferro, zinco e calcio”, è scritto nella nota.

Dal “Tenebrio molitor” si ricava già mangime per rettili e anfibi. Dallo stesso coleottero, però, si potrà ricavare anche mangime per l’itticoltura, in sostituzione delle farine di pesce e di soia. E pure prodotti meno noti, come la chitina.

I tempi di crescita e l’aumento del numero delle larve e la quantità delle procreazioni delle stesse determinano l’idoneità e la qualità del prodotto.

«Tali elementi incidono fortemente sulla sostenibilità, anche economica, di un allevamento d’insetti e quindi sul costo dei prodotti finali», conclude Baldacchino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili