Il tumore allo stomaco o cancro gastrointestinale (tumore gastrico) colpisce il rivestimento dello stomaco.

Dallo stomaco può diffondersi in altre parti del corpo, soprattutto al fegato, ai polmoni, alle ossa e ai linfonodi. Ogni anno, infatti, sono registrati oltre 250.000 nuovi casi, con oltre 100.000 morti. Lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha confermato che tra gli agenti eziologici del tumore allo stomaco vi è l’amianto.

Contattaci per avere un primo parere medico gratuito grazie al nostro team di medici volontari online dell’ONA.tumore allo stomaco

Sintomi del tumore allo stomaco 

I primi sintomi comprendono:

  • sensazione di bruciore di stomaco;
  • dolore all’addome superiore;
  • nausea;
  • perdita di appetito.

Successivamente, si possono manifestare perdita di peso, ittero, vomito, difficoltà di deglutizione e sangue nelle feci.

Diagnosi tumore allo stomaco

Solitamente, la diagnosi del tumore allo stomaco avviene attraverso biopsia realizzata durante l’endoscopia. Possono essere poi effettuate indagini di imaging biomedico per determinarne la presenza di eventuali metastasi. La sorveglianza sanitaria è fondamentale per ottenere una diagnosi precoce e quindi effettuare cure tempestive e più efficaci e, di conseguenza, ottenere maggiori chance di guarigione e di sopravvivenza.

I lavoratori esposti ad amianto dovrebbero sottoporsi a controlli sanitari periodici per una diagnosi tempestiva. La scarsità e genericità dei sintomi del tumore allo stomaco nella fase iniziale, infatti, ritarda notevolmente la diagnosi. Un ritardo diagnostico comporta un tasso di sopravvivenza a 5 anni inferiore al 10% dei casi.

Cura tumore allo stomaco

La terapia include l’intervento chirurgico, la chemioterapia, la radioterapia e la terapia mirata.

In caso di stadio avanzato, spesso si ricorre alle cure palliative. Contattaci per avere un primo parere legale gratuito grazie al nostro team di avvocati online gratis. Una voce amica ti guiderà per assisterti con professionalità.

Assistenza


Assistenza legale gratuita

I diritti delle vittime di cancro allo stomaco

  • Rendita Inail(anche per famigliari superstiti)
  • Risarcimento danni
  • Fondo Vittime Amianto
  • Benefici contributivi(art. 13 comma 7 legge 257/92)
  • Pensionamento immediato
  • Riconoscimento Vittima del Dovere
  • Risarcimento danni amianto
  • Pensione per ferrovieri

In caso di decesso, il risarcimento INAIL o rendita INAIL viene liquidata al coniuge superstite nella misura del 50% della prestazione spettante alla vittima (rendita di reversibilità) e ai figli nella misura del 20% per ognuno, a condizione che non superi l’iniziale 100%.

Riconoscimento INAIL

In Italia le malattie e i tumori da amianto sono riconosciuti ed indennizzati dall’INAIL. Le malattie professionali da amianto sono divise in 3 liste (liste malattie professionali INAIL). Il tumore allo stomaco è compreso nella Lista II (malattie causate dall’amianto la cui origine lavorativa è di limitata probabilità). Per questo motivo, la vittima deve dimostrare il nesso causale per ottenere le prestazioni (rendita e/o indennizzo INAIL, se il grado di invalidità riconosciuto è inferiore al 16%).

AssistenzaAssistenza medica gratuita