Mesotelioma testicolare: cura e tutela legale

Il mesotelioma testicolare è un cancro da amianto che colpisce la tunica vaginale del testicolo. Per di più è una neoplasia quasi sempre mortale ed è il più raro di tutti i tipi di mesotelioma.

L’unica tutela è evitare le esposizioni da asbesto, attraverso la bonifica dei siti contaminati (prevenzione primaria). Qualora si sia esposti ad asbesto sul luogo di lavoro, allora occorre essere sottoposti alla sorveglianza sanitaria (prevenzione secondaria). Così si ottiene una diagnosi precoce e si può essere sottoposti alle terapie più adatte.

Contattaci per avere un primo parere medico gratuito grazie al nostro team di medici volontari online dell’ONA-Osservatorio Nazionale Amianto. Una voce vi guiderà ed assisterà con professionalità e meticolosità.

Se si è vittima di patologie asbesto correlate, come il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo, si può ottenere la tutela dei propri diritti attraverso la prevenzione terziaria.

Indice dei contenuti

Tempo stimato di lettura: 6 minuti

Sintomi del mesotelioma testicolare

Il cancro della tunica vaginale del testicolo o mesotelioma testicolare presenta, inizialmente, un nodulo nei testicoli come unico segno biologico.

Nella maggior parte dei casi è riscontrabile l’aspetto di grumi testicolari e gonfiore dello scroto. Oltre al grumo nei testicoli, alcuni degli altri sintomi possono essere:

  • Tumefazione non dolente;
  • tumefazione dolente;
  • dolore testicolare;
  • ginecomastia.

I sintomi riferibili a metastasi sono:

  • dolore lombare o addominale;
  • adenopatie sovraclaveari o inguinali;
  • tosse;
  • dispnea;
  • deperimento;
  • paraplegia (raramente).

Diagnosi del mesotelioma al testicolo

I sintomi del mesotelioma spesso sono simili a quelli di altre malattie, rendendo la diagnosi difficile. È fondamentale l’anamnesi lavorativa, in quanto l’esposizione professionale ad asbesto può costituire un indizio importante per la diagnosi corretta e l’esclusione di altre patologie.

A causa della sua rarità, manca una casistica dei casi specifica per i sintomi del mesotelioma della tunica vaginale del testicolo o mesotelioma testicolare. Spesso il cancro testicolare viene scoperto casualmente,  quando un paziente viene sottoposto a intervento chirurgico per un altro motivo o a seguito di reperto palpatorio sospetto.

Si ottiene la diagnosi del mesotelioma testicolare attraverso tali esami:

  • ultrasuono;
  • biopsia;
  • ecografia transrettale.

Trattamenti e terapia mesotelioma testicolare

Dal momento che negli ultimi 30 anni sono stati rilevati solo 73 casi di questa neoplasia, è ancora in corso la discussione scientifica e medica sulle diverse opzioni terapeutiche da adottare per questa forma così aggressiva di mesotelioma da amianto.

Trattamenti emergenti, come l’immunoterapia, si sono dimostrati efficaci in altre forme di mesotelioma, ma per ora sono disponibili solo in studi clinici.

Per la scelta della terapia idonea molto dipende dalla stadiazione, dall’età e dallo stato di salute del paziente. Si può intervenire con i seguenti metodi:

  • chirurgia;
  • chemioterapia, con una combinazione di Cisplatino o Carboplatino e un chemioterapico;
  • radioterapia.

Per quanto riguarda gli interventi chirurgici, si può optare per:

  • emiscrotectomia, cioè l’asportazione del testicolo;
  • linfoadenectomia inguinale omolaterale, che prevede la rimozione delle stazioni linfonodali;
  • orchiectomia, cioè l’asportazione del testicolo compresi epididimo e funicolo spermatico.

Oltre al mesotelioma che colpisce i testicoli esistono altri tipi di mesotelioma meno rari. Il più diffuso è quello che colpisce la pleura, provocando il mesotelioma pleurico. Comprende circa il 93% dei casi.

Poi per il 5% dei casi, la malattia colpisce il peritoneo (mesotelioma peritoneale) e, più raramente, coinvolge il pericardio (mesotelioma pericardico).

Mesotelioma testicolare come malattia asbesto correlata

L’unico fattore di rischio che causa il mesotelioma, come quello testicolare, è l’esposizione all’asbesto.

Essendo un gruppo di minerali composti da fibre, queste, se inalate o ingerite, possono provocare il processo di infiammazione. Successivamente può insorgere una neoplasia, tra cui il mesotelioma.

La capacità cancerogena dell’esposizione ad asbesto è confermata dallo IARC nella sua monografia “Asbestos – chrysotile, amosite, crocidolite, tremolite, actinolite and anthophyllite“.

Nesso causale tra esposizione professionale e mesotelioma

Il cancro del mesotelio della tunica vaginale del testicolo ha sempre origine occupazionale. Infatti insorge solo in seguito a una elevata esposizione a polveri e fibre di asbesto. Le esposizioni extraprofessionali sono di intensità troppo bassa per causarne l’insorgenza.

Il mesotelioma testicolare è una malattia tabellata dall’INAIL nel Gruppo 6 della Lista I. Questo insieme racchiude tutti i tumori professionali. Inoltre, la presenza della neoplasia nella Lista I vuol dire che è una malattia di origine lavorativa di elevata probabilità.

Ciò significa che sussiste la presunzione legale di origine. Si ottiene, così, il riconoscimento delle prestazioni previdenziali, senza dover superare alcune valore limite amianto (Cass., Sez. Lav., n. 23653/16).

Agenti causaliPeriodo di massima d’indennizzabilitàListaGruppo
AsbestoIllimitatoI6
Erionite (fibre asbestiformi)IllimitatoI6

I diritti delle vittime di mesotelioma testicolare

Per la tutela dei propri diritti è indispensabile ottenere il riconoscimento di malattia professionale. Così la vittima potrà attivare la procedura INAIL d’indennizzo.

La vittima ha il diritto alla rendita mensile, stabilita in proporzione all’entità del danno biologico non inferiore al 16%. Se invece il danno biologico fosse inferiore, sussiste il diritto all’indennizzo del danno biologico con una tantum.

In caso di decesso della vittima, la rendita INAIL viene liquidata al coniuge superstite nella misura del 50% della prestazione spettante alla vittima. La rendita di reversibilità spetta anche ai figli nella misura del 20% per ognuno.

Fondo Vittime Amianto e Vittima del Dovere

Con il mesotelioma del testicolo di origine professionale, la vittima ha diritto anche al Fondo Vittime Amianto (art.1 co. 241/246 L.244/2017).

Questa prestazione è erogata direttamente dall’INAIL e viene sommata alla rendita mensile. È anche reversibile in favore del coniuge e dei figli minorenni.

In più, i dipendenti delle Forze Armate e Comparto Sicurezza che, per motivi di servizio, hanno contratto il mesotelioma da asbesto, hanno diritto al riconoscimento dello status di Vittima del Dovere.

In questo modo la vittima può ottenere benefici aggiuntivi assistenziali e previdenziali. Anche questi sono reversibili agli eredi.

Immediato pensionamento a causa del mesotelioma

Le vittime di tutti i tipi di mesotelioma hanno diritto ai benefici contributivi (ex art. 13, co. 7, L. 257/1992). Con una maggiorazione del 50% del periodo di esposizione professionale, il lavoratore ha accesso al prepensionamento.

Per chi è già titolare di pensione per malattia professionale la legge prevede una rivalutazione dei ratei mensili della rendita acquisita o cui si ha diritto, pari al coefficiente di 1.5.

Inoltre, l’articolo 1, comma 250, della Legge 232/2016 ha sancito il diritto all’immediato pensionamento. La pensione d’invalidità amianto vale per i lavoratori sprovvisti dei requisiti per la quiescenza al momento dell’insorgenza della malattia.

Come ottenere l’integrale risarcimento danni?

L’indennizzo INAIL risarcisce il danno biologico e patrimoniale a causa della diminuzione della capacità di lavoro della vittima. Ma le vittime di mesotelioma, come quello testicolare, hanno diritto all’integrale ristoro dei danni da parte del datore di lavoro.

Il totale risarcimento danni si ottiene facendo valere la responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. Questo prevede anche il danno morale ed esistenziale. La quantificazione si stabilisce in maniera personalizzata e si basa sulle tabelle del Tribunale di Milano.

Assistenza medica e legale vittime mesotelioma

L’ONA tutela tutte le vittime di malattie asbesto correlate, compresi coloro che sono colpiti da mesotelioma.

Oltre all’assistenza medica, si può ottenere la tutela legale. Infatti, grazie al team di esperti legali, coordinati dall’Avv. Bonanni, si offrono servizi per far ottenere al lavoratore i benefici a cui hanno diritto.