sabato, Novembre 26, 2022

La “Tempesta” di Shakespeare sulle Neviere del monte Faito

Ultime News

ECCO IL TEATRO A IMPATTO ZERO, UNA PASSEGGIATA LUNGO LE NEVIERE DEL FAITO TRA PROFUMI ED ESSENZE DI MONTAGNA

“Tempesta” da Shakespeare è l’esperienza di teatro immersivo di Casa del Contemporaneo e Teatro di Napoli – Teatro Nazionale.

Per il secondo anno consecutivo alle Neviere del Monte Faito, la montagna tra Napoli e Salerno, è prevista una passeggiata e uno spettacolo. Grandi e piccoli spettatori sono invitati a partecipare all’evento che si svolgerà il 2, il 3, il 9 e il 10 luglio. Due i turni, il primo alle 11:30 e il secondo alle 16. Saranno momenti in cui lo spettatore potrà avventurarsi nell’isola incantata nata dalla fantasia del drammaturgo inglese.

Uno spettacolo nella natura del Faito

Il pubblico percorrerà i sentieri che conducono alle Neviere accompagnato da guide specializzate, abbandonando pian piano la realtà. Si immergerà, così, nella flora del luogo, in una sorta di rito di passaggio prima dell’esperienza teatrale.

Particolare è l’allestimento “green” a “impatto zero” del testo shakespeariano, adattato e diretto da Rosario Sparno, senza l’utilizzo di corrente elettrica e senza montaggio di allestimenti.

Lo spettacolo si potrà godere, difatti, completamente immersi nella natura, su un tappeto di erba e foglie. In tal modo, si abbandonerà lo spazio teatrale classico per porre lo spettatore al centro di un’installazione in cui si sentirà protagonista.

«Nel mondo perfetto immaginato da Calibano la natura produce tutto da sé e anche la performance da noi proposta sembra come evocata dalla natura stessa. Le fronde dei faggi secolari guidano i corpi sulla scena e le onde dal mare in lontananza portano alla bocca le parole dei poeti», dichiara Rosario Sparno.

Le Neviere del Monte Faito nella penisola sorrentina

Il Monte Faito fa parte della catena dei Monti Lattari, l’ossatura della penisola sorrentina che si affaccia sui golfi di Napoli e Salerno.

Deve il suo nome ai faggi che lo ricoprono e che hanno avuto un ruolo fondamentale nella sua storia. Sono faggi secolari (probabilmente tra gli esemplari più longevi d’Italia), testimoni viventi della ormai estinta industria della neve.

I faggi bordano le neviere, le fosse, dove un tempo, nel periodo invernale si ammassava la neve caduta sul Faito. Grazie a ciò, nei mesi estivi, la neve veniva cavata e trasportata in blocchi per essere venduta a Napoli.

A dire il vero, il ruolo dei faggi per l’industria della neve era così importante da essere protetti da apposite leggi che ne vietavano il taglio. L’industria della neve ha cessato di esistere nei primi anni del ‘900 con l’avvento delle macchine elettriche per la produzione del ghiaccio.

Il Monte Faito oggi è una grande area verde, utilizzata dalla popolazione per passeggiate, scampagnate, eventi e attività sportive.

Prenotazione e preacquisto obbligatori:

chiamare allo

081 1824 7921

oppure scrivere a

tempesta@casadelcontemporaneo.it

Clicca qui per la prevendita

Clicca qui per maggiori informazioni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili