lunedì, Luglio 22, 2024

“Verde profondo”, racconti e fotografie nelle foreste

Ultime News

SI INTITOLA “VERDE PROFONDO”PAGINE IN VIAGGIO ED È IL LIBRO A CURA DI GIORGIO ENRICO BENA. IN UN VOLUME DI 176 PAGINE TUTTE LE SFUMATURE DEL VERDE NEI CONTINENTI

Tutte le sfumature di verde in un unico libro di 176 pagine. A cura di Giorgio Enrico Bena, il volume è, infatti, composto da diciotto racconti e cinque reportage fotografici dedicati a foreste pluviali, boschi, selve, giungle in tutti i continenti. Spazio alla narrativa, ma anche alla cronaca e alla descrizione dei luoghi, quasi come un “bagno in foresta”.

“Queste foreste dall’aspetto così diremo grottesco e primordiale, formano paesaggi strani, oscuri e tetri con linee fantastiche. Si direbbe che Dorè abbia trovato qui le sue ispirazioni per illustrare le fantasie di alcuni nostri poeti. La poesia di questa natura non si comprende e non si sente, trovandosi al di là della vita. Qui è rappresentata la vita vegetale senza alcun segno di vita animale”. (7 giugno 1906 – dal Diario di viaggio al Ruwenzori)

Il volume, edito da Neos, è introdotto dalle immagini storiche realizzate da Vittorio Sella a cavallo fra ‘800 e ‘900, concesse dalla Fondazione Sella. Sono scatti realizzati nel 1899 durante il viaggio di esplorazione intorno al massiccio del Kanchenjunga, nello Stato indiano del Sikkim; e nel 1906 durante la spedizione nella foresta del Ruwenzori (Uganda).

“Verde profondo” attraverso i continenti

I continenti del mondo sono ben rappresentati nel libro. I luoghi di cui si parla nel libro vanno, infatti, dall’Africa all’Europa, dalle Americhe all’Asia. Le pagine avanzano tra i vari continenti passando per la Tanzania (Uzungwa), Myanmar (Tanintharyi), Uganda (Bwindi Impenetrable Forest), Cuba (Sierra Maestra), Hawaii (Maui).

Ci sono le Alpi (Italia, Svizzera e Slovenia), la Cambogia e il Madagascar (Ikongo). Poi la Costa Rica (Arenal), il Messico (Palenque), la Cambogia (Angkor), Panama e l’Amazzonia brasiliana. Si attraversano anche l’Estonia (pinete di Tallinn), la Thailandia (Kui Buri), la foresta di Brocéliande in Francia, Palanfré in Val Grande (Piemonte) e Porto Selvaggio e la Foresta Umbra in Puglia.

Gli autori – si legge in una nota – hanno esplorato ogni sfumatura del verde, in una grande varietà di stili letterari e ambientazioni. Si susseguono storie avvincenti, percorsi indimenticabili, incontri reali o immaginari con personaggi umani e non, tracce che la storia ha lasciato e la natura ripreso, perle botaniche, echi di guerre, avventure fantasticate, suoni, sapori, odori, paura e bellezza“.

Gli autori dei testi e delle fotografie

I racconti contenuti nel libro sono di autori vari. I nomi sono quelli di Donatella Actis, Piero Belletti, Selena Belletti, Germana Buffetti, Pierangelo Chiolero, Fernanda De Giorgi, Chiara Enrico Bena, Giorgio Enrico Bena, Jorge Fernández-de-Cossío-Díaz, Antonio Graziosi, Michele Lanzoni, Giorgio Macor, Daniele Regge, Laura Remondino, Franca Rizzi Martini, Barbara Rolando, Caterina Schiavon, Raffaele Tomasulo, Maria Vassallo.

Vittorio Sella, Luca Cagnasso, Chiara Enrico Bena, Silvia Maria Ramasso, Gaia Amaranta Taberna sono invece gli autori dei racconti fotografici.

I diritti d’autore saranno devoluti all’associazione International Help onlus a sostegno delle sue attività umanitarie.

«Per i primi istanti gli riuscì solamente di osservare. Immobile. Senza fiato. Sopraffatto dall’esuberanza e dalla varietà della vegetazione che lo circondava. Lasciò lo sguardo scorrere sul verde attorno, da sfumatura a sfumatura, dagli spessi strati di filamenti che ricoprivano il terreno su cui appoggiava i piedi ai rami carichi di appendici fogliari che si inarcavano sopra la sua testa, appesi a fusti che salivano verso il cielo per tre, quattro, alcuni anche per dieci volte almeno la sua altezza. Tutto sembrava incredibile.
Quasi impossibile.»

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili