martedì, Aprile 20, 2021

Vaccini: piante per produrre antidoti al Covid

Ultime News

Filippo di Edimburgo primo presidente del WWF

Il Principe Filippo di Edimburgo è stato cofondatore e primo presidente del WWF Internazionale, dal 1981 al 1996. Emerito...

Dispositivi di Protezione Individuale pericolosi per l’ambiente

Per salvare la nostra specie dalla pandemia causata dal Coronavirus, l’uomo ha attuato una serie di misure che hanno...

Cicloturismo: l’Italian Green Road Award 2021

Al via le candidature per “Italian Green Road Award 2021”, sesta edizione dell’Oscar italiano del cicloturismoPartono le candidature per...

Contro il Covid, un team di ricercatori di ENEA, Università di Verona e Viterbo, CNR e ISS propone di utilizzare piante per produrre antidoti

La Sindrome Respiratoria Acuta Grave Coronavirus 2, ossia la Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2, in Italia ha ucciso circa 96mila persone. (Dato aggiornato al 24 febbraio 2021). Oltre ad aver causato una crisi economica, finanziaria e sociale diffusa. Per contenere e controllare la pandemia da SARS-CoV-2 o Covid-19 e proteggere la popolazione rimanente, in questo momento i vaccini sono l’arma più potente che i governi possano adoperare.

Un pool di scienziati italiani per produrre vaccini dalle piante

Per soddisfare la domanda di vaccini in tutto il Paese, un team di ricercatori di ENEA, Università di Verona e Viterbo, CNR e ISS propone di utilizzare le piante come “biofabbriche” per produrre antidoti. Infatti, i nostri ricercatori ipotizzano che un ruolo importante possa avercela l’Agricoltura Molecolare Vegetale o Plant Molecular Farming.

Nicotiana benthamiana per produrre vaccini
La pianta prescelta per la sperimentazione è la Nicotiana benthamiana, parente selvatica del tabacco (Bally et al., 2018)

Vaccini, anticorpi e prodotti diagnostici contro il Covid-19 e l’immunoterapia passiva, sarebbero prodotti in modo rapido, efficace e a costi contenuti.

Per portare a termine il progetto, il team utilizzerà la Plant Molecular Farming. Si tratta di una piattaforma innovativa ma robusta e già utilizzata in altri Paesi per ottenere biofarmaci.

Il pool di scienziati italiani ha pubblicato lo studio “Plant Molecular Farming as a Strategy Against COVID-19 – The Italian Perspective”, sulla rivista internazionale “Frontiers in Plant Science”.

Agricoltura Molecolare Vegetale: necessarie strutture nel nostro Paese

Saranno le piante a produrre le biomolecole necessarie per lo screening diagnostico di massa, l’immunoterapia passiva e la vaccinazione. Non solo per il Covid-19 ma anche per eventuali future nuove pandemie.

Nicotiana benthamiana
Questa piccola pianta australiana presenta una serie di caratteristiche, come un rapido tasso di crescita e una naturale capacità di esprimere sequenze geniche eterologhe, che la rendono particolarmente adatta alla produzione di biofarmaci (Lomonossoff e D’Aoust, 2016)

Perciò i ricercatori puntualizzano l’importanza di realizzare nel nostro Paese le strutture necessarie. Secondo stime effettuate, i costi per realizzare questi impianti sarebbero inferiori di molto rispetto a quelli necessari per impianti produttivi tradizionali basati su biofermentatori per cellule di insetto o di mammifero.

«Le simulazioni effettuate – sottolineano i ricercatori ENEA -, confermano che la Plant Molecular Farming potrebbe integrare efficacemente i metodi di produzione “tradizionali”. E per soddisfare l’intera domanda italiana di bioterapeutici (vaccini, anticorpi) e diagnostici basterebbe una serra di 12.500 metri quadri o un impianto di agricoltura verticale (vertical farming) di soli 2mila metri quadri».

Avviata la sperimentazione clinica in Canada

Nicotiana benthamiana per produrre vaccini
Nel luglio 2020, l’azienda canadese Medicago ha avviato una sperimentazione clinica di fase I per testare la sicurezza e l’immunogenicità del candidato vaccino Medicago COVID-19

Medicago, azienda canadese, grazie alla tecnologia del Plant Molecular Farming, ha prodotto un vaccino per l’influenza stagionale basato su particelle simil-virali. Cioè VLP, “virus-like particles”, particelle che mimano il virus ma innocue perché prive di capacità infettive. La stessa azienda a luglio 2020 ha avviato la sperimentazione clinica di un vaccino contro il Covid.

ENEA attiva da oltre vent’anni nello sviluppo di vaccini vegetali

«ENEA è attiva da oltre vent’anni con infrastrutture, laboratori, piattaforme tecnologiche e know-how per la ricerca in questo settore tecnologico. In particolare nello sviluppo di molecole di interesse farmaceutico come vaccini (compresi vaccini genetici potenziati da sequenze vegetali), anticorpi antitumorali, ma anche test e saggi diagnostici, come quello messo a punto in passato per il coronavirus della SARS».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili