venerdì, Luglio 19, 2024

Un vaccino contro l’Herpes Zoster: la missione di Longevitas a Milano

Ultime News

NEL CUORE DI PALAZZO LOMBARDIA, A MILANO, LO SCORSO 17 MAGGIO LA FONDAZIONE LONGEVITAS HA LANCIATO UNA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE RIVOLTA AGLI OVER 65, NEL CORSO DEL CONVEGNO “MANTENERSI IN SALUTE GRAZIE ALLA PREVENZIONE VACCINALE DELL’ADULTO: L’ESEMPIO DEL VACCINO CONTRO L’HERPES ZOSTER”. L’ EVENTO NON SOLO HA POSTO IN EVIDENZA L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE VACCINALE PER CONTRASTARE PATOLOGIE INFETTIVE, MA HA ANCHE DELINEATO IL QUADRO ATTUALE DELLA SITUAZIONE IN ITALIA

Un vaccino preventivo contro l’Herpes Zoster

A fornire un quadro epidemiologico generale dell’Herpes Zoster, patologia detta anche “Fuoco di Sant’Antonio” è stato il dottor Giuseppe Bellelli, professore ordinario di Geriatria all’Università di Milano-Bicocca.

«Il Fuoco di SantAntonio è una complicanza che deriva dallessere entrati in precedenza in contatto con il virus della varicella, lHerpes Zoster appunto», spiega il professore. Si stima che circa il 98% della popolazione sia stata esposta a questo virus in giovane età. «Stiamo parlando di un virus che resta latente nei gangli sensoriali e che può risvegliarsi negli anziani a causa dellindebolimento delle difese immunitarie».

La patologia negli over 65, continua Bellelli «non è soltanto dolorosa, ma ha anche delle complicanze di vario tipo, come le nevralgie post erpetiche e una perdita della funzione motoria. Per combattere un simile quadro clinico, meglio puntare sulla prevenzione, che si basa sui vaccini». Quanto alla somministrazione di questi, «avviene in due dosi, ma purtroppo a oggi i tassi di adesione della popolazione anziana sono ancora troppo bassi, in parte a causa della titubanza delle persone a vaccinarsi».

L’importanza della medicina territoriale

La criticità evidenziata dall’epidemiologo è stata sottolineata anche da Emanuele Monti, presidente della “IX Commissione Sostenibilità sociale, casa e famiglia” della Regione Lombardia, che nel corso del suo intervento in una sala gremita di pubblico ha parlato anche dell’importanza della medicina territoriale.

«Laderenza alle campagne contro il Fuoco di SantAntonio non è sufficiente. Bisogna coinvolgere i sindaci e le associazioni del terzo settore per avere una vaccinazione completamente gratuita per i cittadini della coorte detà prevista, che riguarda proprio gli over 65. Regione Lombardia fornisce questo tipo di somministrazione a questa fascia della popolazione e stiamo lavorando per investire ancora di più in prevenzione: ogni euro speso in questo campo corrisponde a tre euro risparmiati dal Servizio Sanitario Nazionale».

Necessaria la prevenzione vaccinale, nell’affrontare l’invecchiamento della popolazione italiana

Una priorità imprescindibile è garantire la massima qualità possibile della salute, in un contesto come quello italiano, caratterizzato da un’aspettativa di vita elevata – 81 anni per gli uomini e 85 per le donne, secondo il Rapporto Benessere Equo Sostenibile (BES, uno strumento utilizzato per valutare il benessere equo e sostenibile di una determinata area geografica, come una regione o un Paese) – e da una crescente popolazione anziana in confronto al declino della natalità. 

Eleonora Selvi, presidente della Fondazione Longevitas, sottolinea l’importanza di una risposta attiva e mirata da parte dei sistemi sanitari all’invecchiamento della popolazione, con una particolare enfasi sulla prevenzione vaccinale.

Quest’ultima svolge un ruolo di rilievo nel proteggere gli adulti da patologie che potrebbero avere conseguenze gravi, specialmente per coloro che sono più vulnerabili.

Selvi evidenzia che c’è ancora molto lavoro da fare per raggiungere gli obiettivi vaccinali prefissati, sottolineando la necessità di superare gli ostacoli e di aumentare la consapevolezza tra le persone sull’efficacia del vaccino come strumento fondamentale per la salute.

Inoltre, promuovere la prevenzione vaccinale non solo beneficia gli individui, ma anche il Servizio Sanitario Nazionale, poiché gli investimenti in prevenzione consentono di allocare risorse aggiuntive per migliorare la salute generale della popolazione.

Potenziamento del ruolo della medicina generale nella strategia vaccinale

I medici di medicina generale si confermano un punto di riferimento essenziale sul territorio per la gestione preventiva di varie patologie. Paola Pedrini, segretaria generale dell’organizzazione sindacale Fimmg Lombardia (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), ha evidenziato l’importanza di valorizzare il loro ruolo nella strategia vaccinale, sottolineando il rapporto di fiducia che li lega agli assistiti, fondamentale per promuovere, organizzare e facilitare la prevenzione delle malattie.

Eleonora Selvi, ha poi aggiunto che investire nella pratica vaccinale è un passo verso un futuro sostenibile per una società sempre più longeva. 

L’impegno di Longevitas  

La Fondazione Longevitas è un’organizzazione italiana senza scopo di lucro dedicata allo studio e alla promozione del benessere e della salute delle persone anziane.

Fondata nel 2000, si impegna a promuovere una migliore qualità di vita per gli anziani attraverso la ricerca scientifica, l’educazione e un’azione sociale volta a favorire un contesto sociale e sanitario più inclusivo ed empatico nei confronti delle persone anziane.

Tra le attività principali vi sono la conduzione di studi e ricerche sul processo di invecchiamento e sulle malattie legate all’età. 

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili