venerdì, Luglio 19, 2024

Scoprire il Ticino in bicicletta: nuovi itinerari turistici

Ultime News

SEMPRE PIÙ SPESSO SI INCENTIVA LA PROMOZIONE DI ATTIVITÀ ECOSOSTENIBILI, ANCHE DURANTE VIAGGI DI PIACERE. LE LOCALITÀ DEL TICINO INVITANO I SUOI VISITATORI A UN ITINERARIO IN BICI ALLA SCOPERTA DELLE BELLEZZE DI QUESTI LUOGHI IMMERSI NELLA NATURA

Perdersi nella natura, alla scoperta di nuovi luoghi in cui lasciare il cuore. Con questo intento e per promuovere il turismo ecosostenibile, le località del Ticino, cantone del sud della Svizzera in cui si parla la lingua italiana, hanno proposto diversi itinerari in bici per tutte le competenze e ogni livello. In questo modo, oltre che a lanciare un messaggio di sensibilizzazione nel rispetto dell’ambiente, si favorisce anche il benessere psicofisico.

Ticino
Gli itinerari a due ruote alla scoperta del Ticino

Pedalare è uno dei modi migliori per esplorare luoghi incontaminati e riserve naturali, come quelle del Ticino. Salire in sella alla bici, infatti, oltre a garantire una maggiore libertà negli spostamenti ci permette di trascorrere un soggiorno all’insegna di positivi stimoli psicofisici, che innescano uno stato di benessere, anche nell’interesse della salute oltreché della tutela dell’ambiente.

Visitare le località del Ticino in un percorso a due ruote

Il Ticino continua a promuovere il turismo ecosostenibile. Negli ultimi anni, infatti, la regione al confine tra Italia e Svizzera ha incoraggiato la diffusione di sistemi di bike sharing e aumentato le proposte legate al mondo della bicicletta. Nuovi itinerari e una fitta rete di colonnine di ricarica per bici elettriche ma anche nuovi tratti di piste ciclabili e bike hotel con i servizi utili a questa tipologia di turisti. Per tutti questi motivi, questa località si rivela essere sempre più la meta preferita dagli appassionati di ciclismo.

Il ritrovo per ciclisti nel Ticino e il percorso del Lago Maggiore

Negli ultimi anni, si sono aggiunti parecchi itinerari a due ruote percorribili nelle località del Ticino e tutti visibilmente segnalati per qualsiasi turista voglia addentrarsi in un percorso alternativo alla scoperta del territorio. Il punto di partenza ideale, qualsiasi sia l’itinerario scelto, è il Velo Cafè, oltre a essere il luogo perfetto per ricaricare le energie prima di addentrarsi alla scoperta paesaggi ticinesi.

A metà tra officina meccanica, rivendita specializzata e caffetteria accogliente, questo spazio si impegna nell’arricchire l’esperienza ciclistica con tour guidati tra i vigneti soleggiati di questa regione, offrendo agli appassionati la possibilità di esplorarla su due ruote. D’altronde, il Velo Cafè è anche un ottimo punto di partenza per l’itinerario che conduce al Lago Maggiore.

Ticino
Il giro del Lago Maggiore nella regione del Ticino

Il giro del lago è uno di quei percorsi cui difficilmente rinunciano gli appassionati di ciclismo durante le loro vacanze nel Ticino, durante tutto l’anno, per la semplicità della sua percorrenza con brevi tratti ripidi e piccole salite. L’itinerario si estende complessivamente per 163 km e attraversa anche il confine con l’Italia.

Attraverso il piano di Magadino si raggiunge il Gambarogno, e successivamente Dirinella, dove si trova il valico di frontiera con l’Italia. La strada continua tra salite e discese fino a Laveno, dove si può prendere il traghetto per Intra. Si costeggia, poi, il lago fino a Cannobio, da cui si può ammirare un suggestivo paesaggio, fino a superare il confine per rientrare in Svizzera. Dopo un breve passaggio per Brissago e Ascona, si raggiunge nuovamente Locarno. Il percorso potrebbe essere anche dimezzato, decidendo di trascorrere il resto della giornata a bordo lago.

Tra sport, cultura e gastronomia in famiglia

Pedalare stimola anche l’appetito, ma in Ticino ci sono iniziative turistiche che riescono ad aggradare anche i più esigenti palati. È il caso delle attività promosse nelle località della Capriasca, una regione collinare nella zona nord di Lugano, che offre moltissime specialità culinarie.

La stessa amministrazione comunale ha incoraggiato l’iniziativa “La via dei sapori in Capriasca“, realizzata con il sostegno dell’Ente Turistico del Luganese, pensata proprio per il flusso turistico degli appassionati delle due ruote. Un modo alternativo per godere di un soggiorno a metà tra natura e gastronomia locale.

Ticino
Perdersi tra cultura, gastronomia e natura nel Ticino

Un’altra recente e allettante proposta per gli appassionati della mountain bike è il giro ad anello nel sud del Canton Ticino, adatto anche alle famiglie e a chi è alla ricerca di un’avventura accessibile a tutti.

L’itinerario “Piana del Laveggio Bike” – solo uno dei tanti fruibili – si snoda lontano dal caos cittadino, attraverso vie agricole e sentieri che si aprono alla scoperta della variegata pianura del Mendrisiotto, un gioiello nascosto tra le sponde del Lago Ceresio e le lussureggianti vigne che adornano il paesaggio del Monte San Giorgio, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Quest’ultimo itinerario è tra i preferiti dei ciclisti anche per gli eccezionali scorci che offre lungo il suo percorso. Tra vigneti che incorniciano il paesaggio e borghi pittoreschi che si possono incontrare di tanto in tanto. L’escursione ideale che coniuga sport, cultura e gastronomia, in tutta tranquillità e serenità.

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili