venerdì, Maggio 24, 2024

“The Big Sea”, la realtà dietro il “sogno pulito” del surf

Ultime News

L’ECO-DOCUMENTARIO “THE BIG SEA” ESAMINA LA NATURA INQUINANTE DELLA PRODUZIONE DEL NEOPRENE UTILIZZATO PER LE MUTE DA SURF. IL FILM SARÀ PRESENTATO DOMENICA 17 SETTEMBRE 2023 ALLA GOALS HOUSE DI NEW YORK CITY

Un nuovo e “scioccante” film, intitolato The Big Sea, sarà presentato in anteprima da un videoclip alle 19:00 di domenica 17 settembre alla Goals House di New York City.  La proiezione avverrà in occasione della Settimana del Cambiamento Climatico di quest’anno.

L’eco-documentario, il cui trailer è disponibile QUI e che sarà presentato in vari festival in autunno, esamina la natura inquinante della produzione di gomma cloroprene, più nota come Neoprene. Questo materiale è in larga parte utilizzato per la fabbricazione di mute da mare, in particolare quelle da surf.

Il film concentra la sua attenzione sulla città di Reserve, in Louisiana, conosciuta anche come “Cancer Alley”. Questa, infatti, ha il più alto tasso di rischio di cancro negli Stati Uniti a causa delle emissioni nocive provenienti dalla fabbrica di neoprene della Denka Performance Elastomer.

Secondo l’Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti, il rischio di cancro a Reserve è cinquanta volte superiore alla media nazionale per uomini, donne e bambini. E la causa principale sono proprio le emissioni tossiche senza fine prodotte dall’impianto petrolchimico.

Interviene il Dipartimento di Giustizia USA

Il 20 marzo 2023, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, a nome dell’EPA ha chiesto un’ingiunzione preliminare contro Denka Performance Elastomer per ridurre immediatamente le emissioni di cloroprene. Il Dipartimento, ai sensi del Clean Air Act (CAA), ha chiesto al Tribunale di ordinare a Denka di imporre significative misure di controllo dell’inquinamento per ridurre le emissioni di cloroprene.

Nel mese di aprile 2023, il giornale The Guardian ha riportato che l’EPA ha rilevato un alto rischio derivante dalle emissioni di cloroprene, soprattutto per i bambini di età inferiore ai 16 anni. Il cloroprene (o policloroprene – nome chimico del neoprene), è considerato probabilmente cancerogeno quando l’esposizione supera i tassi di emissione consentiti dalla normativa statunitense.

The Big Sea

Il potere che ciascuno di noi ha di apportare cambiamenti significativi

Attraverso storie toccanti, il film racconta le esperienze di chi ha sofferto in prima persona oppure ha perso i propri cari a causa di questo pericolo persistente per la salute pubblica.

Tuttavia, il film non si limita a mostrare il lato oscuro della vicenda ma suggerisce anche un futuro più positivo. Surfers, marchi di abbigliamento surf, leader del settore, commentatori culturali e attivisti ambientali si sono uniti per dimostrare che esistono alternative al neoprene, con la sua pesante impronta di carbonio e i rischi correlati per la salute umana.

«The Big Sea – riassume Chris Nelson, autore e produttore del film -, racconta la storia del potere che ciascuno di noi ha, sia come individui che come comunità, di apportare cambiamenti significativi. È cruciale proteggere sia le persone che gli oceani. E questo deve accadere ora».

Scegliere con attenzione ciò che indossiamo

«Sono estremamente onorata di recitare in “The Big Sea”», afferma la campionessa di surf Nikki van Dijk, originaria dell’Australia meridionale. «I surfisti sono noti per il loro amore per gli oceani e per la libertà che il surf porta con sé – spiega Nikki -. Ogni persona sul nostro prezioso pianeta è connessa, quindi nessuno di noi dovrebbe restare a guardare sapendo che le persone stanno letteralmente morendo per ciò che indossiamo per il nostro sport. Come comunità, abbiamo la responsabilità di scegliere con attenzione ciò che indossiamo». 

Nikki, tra le personalità più influenti presentate nel documentario, ha appreso del film The Big Sea dai fondatori del marchio di abbigliamento acquatico femminile Wallien, di cui è ambasciatrice, .

Madeleine Wallien, fondatrice dell’omonima azienda che ha sede ad Amsterdam, in Olanda, spiega di aver contattato Chris Nelson, autore e produttore della pellicola, dopo aver appreso del rischio di cancro legato alla produzione di neoprene a causa delle emissioni tossiche.

«Essendo anche genitori – afferma Madeleine -, mio fratello e io abbiamo deciso di spostare (la produzione – ndr) Wallien dal neoprene a materiali naturali, come la gomma naturale Yulex. Siamo stati felici che Nikki abbia accettato di condividere il suo punto di vista ecologico nel film. La sua influenza è fondamentale per le decisioni della comunità del surf».

Sostituire i prodotti non rinnovabili a base di petrolio

Le alternative al neoprene, come la schiuma Yulex, hanno un’impronta di carbonio notevolmente inferiore rispetto al tradizionale neoprene. La schiuma Yulex è ottenuta dal lattice liquido estratto dagli alberi di gomma Hevea Brasiliensis, che assorbono anidride carbonica e rilasciano ossigeno. La produzione di gomma naturale Yulex, è scritto nella nota, emette circa l’80% in meno di emissioni di CO2 rispetto al policloroprene. L’azienda, inoltre, si impegna in catene di fornitura certificate e la sua gomma naturale è certificata FSC e PEFC.

Liz Bui, Chief Business Officer di Yulex, spiega che «l’obiettivo principale è sempre stato quello di sostituire i prodotti non rinnovabili a base di petrolio con alternative a base di gomma naturale, tra cui la schiuma Yulex per il neoprene».

Con le nuove catene di fornitura di gomma naturale in Vietnam e in Thailandia, continua la nota, oltre il 50% dei profitti sarà condiviso con i partner nella catena di fornitura, inclusi i piccoli proprietari. Esistono altre opzioni alternative al neoprene, come il Naturalprene, una gomma naturale all’85%, e una gomma sintetica priva di cloro al 15%.

«Dal momento in cui abbiamo scoperto la vera natura del neoprene – aggiunge Olivier Wallien, CEO del marchio -, ci siamo dedicati a passare il più rapidamente possibile alla produzione delle nostre mute utilizzando la schiuma Yulex, un materiale a base di gomma naturale più rispettoso dell’ambiente e della salute umana».

L’azienda olandese ha sviluppato numerosi nuovi modelli che saranno testati e perfezionati nei prossimi mesi. «E tutti i futuri lotti di produzione utilizzeranno gomma naturale. Senza dubbio, The Big Sea informerà i consumatori sulla realtà dei fatti, e siamo fiduciosi che faranno scelte consapevoli per il loro divertimento in acqua».

Una unione per preservare i nostri preziosi oceani

Wallien, di recente, ha collaborato anche con l’organizzazione no-profit globale Blue Marine Foundation. Da questa unione è nata una linea di mute da donna chiamata Horizonia, realizzata con schiuma Yulex.

Secondo un accordo tra le due, il 20% dei profitti derivanti da queste mute sarà devoluto alla Fondazione, il cui obiettivo è la protezione del 30% degli oceani entro il 2030. Il restante 70% sarà gestito in modo responsabile da Wallien.

Blue Marine farà parte del panel dell’anteprima di The Big Sea alla Goals House domenica 17 settembre.

Sara-Jane Skinner, responsabile della partnership strategica afferma di essere entusiasta di questa collaborazione che farà dibattere «coloro che indossano queste mute su come preservare i nostri preziosi oceani per le generazioni future. Come dimostra il film sia i consumatori sia i marchi hanno il potere di guidarci verso la nostra visione di oceani globalmente protetti».

L’evento della Goals House rappresenta una opportunità per riunire creativi provenienti dal mondo dello sport, del cinema, della moda e dell’enogastronomia.

Per Chris Gorrell Barnes, co-fondatore di Blue Marine, una delle principali missioni della Fondazione «è creare un legame tra le persone e il mare. Unendo le forze attraverso l’amore per il nostro pianeta e la capacità reale di ispirare azioni positive a favore dei nostri oceani. È giunto il momento di invertire la tendenza riguardo al neoprene e questa partnership è un promemoria che ciascuno di noi può contribuire al cambiamento per i nostri preziosi ecosistemi marini».

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili