venerdì, Febbraio 23, 2024

Sequestrate due discariche abusive nel viterbese

Ultime News

LA GUARDIA DI FINANZA DI VITERBO, NEL CORSO DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO ECONOMICO E FINANZIARIO DEL TERRITORIO, HA SEQUESTRATO DUE SITI UTILIZZATI COME DISCARICHE ABUSIVE 

I rifiuti abbandonati costituiscono un grosso problema per l’ambiente. Il territorio laziale, nello specifico quello viterbese, non è risultato immune dalla piaga dei rifiuti illecitamente depositati in aree non adibite a questo uso.

La Guardia di Finanza di Viterbo ha pertanto predisposto, già da diverso tempo, un piano di monitoraggio connesso a un’ampia attività di controllo economico-finanziario.

Sono, infatti, numerose le attività costantemente messe in atto dai finanzieri sui territori, alcune delle quali si sono concluse con esito positivo. Tra queste emerge l’operazione finalizzata a individuare la presenza di siti dedicati all’illecito stoccaggio di rifiuti nella provincia.

Operazione che è stata possibile eseguire grazie al supporto di personale della Sezione Aerea di Pratica di Mare a bordo dei velivoli in dotazione e all’ausilio dei sistemi informatici in uso al Corpo che hanno permesso di individuare due discariche abusive.

Guardia di Finanza Viterbo - discariche abusive

Discariche abusive a cielo aperto

L’attività info-investigativa ha fatto accertare che le aree prese in esame sono state utilizzate impropriamente per lo stoccaggio dei rifiuti. Non solo, le zone sono risultate in stato di abbandono, piene di scarti di materiale di varia natura.

I finanzieri si sono trovati, dunque, dinanzi a vere e proprie discariche abusive a cielo aperto. Localizzate su terreni non idonei e non autorizzati, le discariche sono riconducibili sia a imprenditori sia a privati cittadini.

In particolare, il materiale abbandonato, per un quantitativo di oltre 55 tonnellate, è risultato essere composto da:

  • scarti di materiale di mobilio,
  • infissi alla rinfusa,
  • finestre,
  • vasi in terra cotta,
  • telai in metallo,
  • avvolgibili per serrande,
  • vetri,
  • lastre di cemento,
  • legname,
  • materiale ferroso arrugginito,
  • tubi e altro materiale vario in plastica,
  • sacchi contenenti scarti di varia natura.

Il tutto è stato trovato interamente coperto da rovi e vegetazione spontanea.

Guardia di Finanza Viterbo - discariche abusive

I provvedimenti adottati

I responsabili di tale condotta illegale sono stati deferiti alle competenti Autorità Giudiziaria e Amministrativa perché avrebbero violato la normativa di settore.

Tutti i provvedimenti sono stati emessi nell’ambito della fase delle indagini preliminari. Allo stato delle attuali acquisizioni probatorie, in attesa di giudizio definitivo, vale la presunzione di non colpevolezza degli indagati.

Le risultanze operative che emergono dai suddetti servizi costituiscono patrimonio informativo della Guardia di Finanza della Tuscia.

Ciò per i possibili sviluppi fiscali e per il prosieguo di autonome attività dal punto di vista strettamente economico-finanziario. I servizi di polizia ambientale rappresentano un’importante nicchia incastonata nell’alveo delle prerogative e dei compiti istituzionalmente demandati al Corpo.

Questo è impegnato quotidianamente nella prevenzione e nella repressione degli illeciti perpetrati anche nella specifica materia, a contrasto della proliferazione delle discariche abusive. Ma anche a tutela della salute della collettività e, in questo caso, del pregevole patrimonio ambientale viterbese.

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili