giovedì, Febbraio 9, 2023

Dalla pianta del tabacco prodotti due anticorpi contro il virus SARS-CoV-2

Ultime News

SONO STATI PRODOTTI NEI LABORATORI ENEA DUE ANTICORPI CONTRO IL VIRUS SARS-COV-2 CON TEMPI E COSTI RIDOTTI RISPETTO AI METODI TRADIZIONALI. I RICERCATORI HANNO UTILIZZATO COME BIOFABBRICA UNA SPECIE SELVATICA DELLA PIANTA DEL TABACCO, LA NICOTIANA BENTHAMIANA

Due anticorpi contro il virus SARS-CoV-2, responsabile del Covid, sono stati prodotti nei laboratori del Centro Ricerche ENEA Casaccia (Roma). È stata utilizzata come “biofabbrica” una specie selvatica della pianta del tabacco, la Nicotiana benthamiana. Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori ENEA, CNR e Fondazione Toscana Life Sciences (TLS). È stata poi pubblicata sulla rivista internazionale leader del settore Frontiers in Plant Science.

Inizialmente, gli scienziati di TLS hanno isolato, in un paziente affetto da COVID-19, uno dei due anticorpi dotato di una potente azione neutralizzante contro il virus. Successivamente, i colleghi dell’ENEA hanno prodotto l’anticorpo in piante di Nicotiana benthamiana.

Per far ciò, hanno utilizzato la piattaforma biotecnologica Plant Molecular Farming, in grado di effettuare la sintesi di molecole bioattive a alto valore aggiunto. La molecola ottenuta è stata poi caratterizzata biochimicamente dai ricercatori del CNR.

Bloccata la replicazione del SARS-CoV-2

I risultati ottenuti hanno consentito di dimostrare che gli anticorpi prodotti nella pianta riescono a bloccare la replicazione del SARS-CoV-2.

Ciò si verifica mantenendo le stesse capacità funzionali delle corrispondenti molecole prodotte nei sistemi tradizionali. Il risultato conferma che la tecnologia di produzione adottata da ENEA potrebbe essere una valida alternativa rispetto alle piattaforme “tradizionali”. Queste sono basate su colture cellulari per la produzione di anticorpi neutralizzanti, da utilizzare sia come terapeutici sia come diagnostici.

L’ampliamento della piattaforma di Plant Molecular Farming consentirebbe la produzione di anticorpi sufficienti per la valutazione di studi clinici in circa 3-4 mesi. Ciò contro i 6-7 necessari con sistemi di produzione in cellule di mammifero.

Si potrà, così, rispondere a possibili emergenze pandemiche in modo tempestivo e a costi di produzione ridotti, senza ricorrere a piante geneticamente modificate.

ENEA, vent’anni di ricerca nel settore farmaceutico

ENEA, con infrastrutture, laboratori, piattaforme tecnologiche e know-how è attiva da oltre vent’anni nella ricerca nel settore farmaceutico. In particolare, è attiva nello sviluppo di molecole di interesse farmaceutico come vaccini, compresi vaccini genetici potenziati da sequenze vegetali, anticorpi antitumorali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili