sabato, Febbraio 27, 2021

Prende il via STRIMS, il Sistema Tracciabilità Rifiuti Materiali e Sorgenti

Ultime News

Il nuovo ministero della Transizione ecologica

Da Ambiente a Transizione ecologica: cosa cambiaQuando si parla di “transizione ecologica” si intende un nuovo modello economico-sostenibile che...

Coriandoli ecologici per festeggiare il Carnevale

Coriandoli in materiali sostenibili per fare festa in pieno rispetto dell’ambienteCarnevale è la magnificazione dei colori. Ma d’ora in...

“I tre cittadini”, piccolo manuale di educazione ambientale

“La paura degli eventi naturali è oggi totalmente immotivata: basterebbe informarsi di più e meglio”“I tre cittadini” è un...

STRIMS è il portale istituzionale dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione

Il portale di STRIMS soddisfa un’importante novità prevista dal D.Lgs. 101/2020, entrato in vigore lo scorso 27 agosto.

Il decreto legislativo prevede l’obbligo di registrazione al sito istituzionale dell’Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione (ISIN) di tutti gli operatori del settore. Ovverossia tutti i soggetti che si occupano di gestione di rifiuti radioattivi.

Chi commercia materiali o sorgenti di radiazioni ionizzanti, effettua attività di intermediazione degli stessi, detiene sorgenti di radiazioni ionizzanti, trasporta materiali radioattivi. Il decreto legislativo riordina la normativa di settore.

Il D.Lgs. 101/2020

Fissa norme di sicurezza per la protezione delle persone dai rischi da esposizione a radiazioni ionizzanti. Sia in ambito industriale, medico e ricerca sia da esposizione a particolari sorgenti di radiazioni naturali.

Il D.Lgs. 101/2020 disciplina, inoltre, la sicurezza degli impianti nucleari, delle installazioni e delle attività in cui vengono impiegate materie radioattive. Nonché la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.

Gli interessati potranno registrarsi a STRIMS da febbraio

Il provvedimento adegua la normativa nazionale a quanto previsto in sede europea dalla Direttiva 2013/59/Euratom.  Abroga e sostituisce, in particolare, il Decreto Legislativo n. 230/1995. Potranno accedere ai video tutorial o effettuare richieste di assistenza.

Dopo essersi registrati al sito, questi dovranno trasmettere le informazioni relative a ciascuna operazione effettuata, alla tipologia e alla quantità delle sorgenti oggetto dell’operazione.

Gli utenti possono consultare i contenuti pubblici del sito. Come, per esempio, le FAQ, disponibili alla sezione “Informazioni Utili”, nella home di STRIMS.

Il decreto segue di alcuni giorni la pubblicazione della CNAPI. La Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee allo stoccaggio dei rifiuti radioattivi. Al momento tac, risonanze magnetiche o medicina nucleare, sono stipati in siti provvisori.

Il documento, pubblicato da SOGIN, localizza sessantasette siti potenzialmente idonei per impiantare il “Deposito Nazionale” delle scorie nucleari. Oltre al Parco tecnologico dedicato alla ricerca e alla formazione sul nucleare. Entro quattro anni si dovrebbe individuare il sito definitivo.

Il parere di Confindustria

La Cnapi è arrivata con oltre dieci anni anni di ritardo, commenta Confindustria. La quale, nel rapporto “Il Deposito Nazionale: un progetto Paese. Prime valutazioni dell’impatto socio-economico”, riepiloga le varie tappe della vicenda. Compresa una panoramica anche europea.

Gli effetti positivi de Deposito Nazionale

La relazione dell’associazione degli industriali italiani, inoltre, chiarisce quanto costa mantenere i venti siti provvisori attuali. I quali sono ormai colmi dei rifiuti nucleari prodotti anche per l’attività sanitaria, industriale e di ricerca universitaria.

STRIMS - Stoccaggio delle scorie nucleari in deposito provvisorio
Stoccaggio delle scorie nucleari in deposito provvisorio

E, soprattutto,la nota descrive quanto, la costruzione del nuovo Deposito Nazionale, invece, apporterebbe in termini di benefici. Infatti, spiega Confindustria, la spesa prevista per la realizzazione del Deposito Nazionale è pari a 1,5 miliardi di euro.

Ma l’esercizio operativo genererebbe sul sistema economico nazionale effetti positivi pari a circa 3miliardi di euro. A beneficiarne, inoltre, sarebbe anche il mercato del lavoro, cui si aggiungerebbero 23mila unità utilizzate a tempo pieno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili