venerdì, Marzo 1, 2024

Più libri più liberi, tra libertà e attenzione all’ambiente

Ultime News

La fiera del libro compie venti anni e torna in presenza

In questo periodo segnato dall’emergenza Covid-19 è importante ritrovare la speranza e il valore della libertà: proprio questo è stato il tema dell’edizione 2021 di “Più libri più liberi“.

La fiera nazionale della piccola e media editoria compie venti anni e si è festeggiato questo avvenimento, di nuovo in presenza, a La Nuvola di Roma. La suggestiva location ha ospitato l’evento dal 4 all’8 dicembre, con quattrocentottantaquattro espositori e oltre cinquecento appuntamenti. E grande spazio è stato dedicato anche all’ambiente.

Più libri più liberi: rapporto tra letteratura e ambiente

Sin dal primo giorno la crisi climatica e la tutela dell’ambiente sono stati tra i temi degli incontri. In particolare, in occasione dell’appuntamento “Straordinarie storie…di cambiamento climatico”, sono stati presentati due libri della casa editrice Codici Edizioni che hanno affrontato gli impatti del climate change da due differenti punti di vista: uno ha analizzato l’impatto sugli esseri umani, l’altro sugli animali.

Francesca Buoninconti, nel suo “Senza Confini”, ha parlato nel dettaglio di uno dei fenomeni che ogni anno ci offre la natura: la migrazione. Questa, a causa del riscaldamento globale, sta mutando. L’inizio della primavera è sempre prima e ciò mette in difficoltà gli uccelli. In più, con il riscaldamento delle acque, circa settecento specie marine in America cominciano a spostarsi. Persino le piante iniziano a migrare. Le Alpi sono diventate più biodiverse.

Infine i fenomeni d’inquinamento, come quello ambientale, luminoso o acustico, stanno causando la perdita di paesaggi diversi e anche di varietà sonore.

«Stiamo togliendo strumenti a questa orchestra», commenta l’autrice.

Più libri più liberi: cos’è l’equazione dei disastri?

Invece, Antonello Pasini, fisico del clima del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), nel suo libro “L’equazione dei disastri” ci dona un’altra prospettiva. Periodi prolungati di siccità, eventi estremi di una violenza senza precedenti e forti mareggiate si abbattono sulla nostra Penisola, provocando danni in molte regioni. Ma perché questo accade?
Tutto è spiegato dall’equazione:

R(rischio) = P(pericolosità) x V(vulnerabilità) x E(esposizione)

In altre parole l’alto rischio è determinato dalla pericolosità degli eventi meteo-climatici, dalla vulnerabilità del territorio italiano e dall’esposizione delle nostre case e dei nostri beni. Il risultato è il manifestarsi di gravi danni per l’umanità. L’unica soluzione, quindi, sembra essere quella di naturalizzare la città e rimediare alla “antropizzazione selvaggia” avvenuta.

Altri libri ed eventi dedicati all’ambiente

Un altro libro presentato alla fiera è stato “Clima in crisi. Una nuova socialità per la lotta al global warming“, di Simonepietro Canese, Ugo Carlotto e Gianni Ferri Bontempi, edito da L’Asino d’oro.

L’attuale crisi climatica è unica nella storia, per velocità di realizzazione e perché è la prima indotta direttamente dagli esseri umani. I suoi effetti stanno già causando sofferenza e morte. L’opera sostiene come la perdita del rapporto uomo e natura, all’origine dei mutamenti climatici, dipenda dalla perdita di rapporto tra gli uomini. Ciò che è davvero in crisi è il modo di stare al mondo.

Perciò l’unica soluzione è ritrovare l’unione umana. La sfida è quella di reinventare il nostro essere umani su questo pianeta, per costruire un futuro degno di essere vissuto.

Tra gli altri eventi green, Matteo Nardi e Letizia Palmisano, giornalisti e attivisti, spiegano come contribuire nella vita quotidiana alla lotta per l’ambiente con il libro “10 idee per salvare il pianeta”.

Invece Matteo Oreggioni presenta “Filosofia tra i ghiacci”, che racconta la lezione tratta dalla fusione dei ghiacciai sul rapporto uomo e natura e sul futuro della Terra.

Inoltre Pierluigi Adami, giornalista e ingegnere esperto in monitoraggio ambientale, presenta il saggio “Ritorno al pianeta”, un viaggio nei mali dell’ecosistema Terra e una dichiarazione di fiducia nel futuro. Infine ha avuto luogo la VII edizione del Premio Demetra, dedicato alla letteratura verde indipendente.

Più libri più liberi: novità e ospiti dell’edizione 2021

La fiera della piccola e media editoria, come ogni anno, è un’occasione per ascoltare gli autori, assistere a dialoghi, letture, dibattiti e incontrare gli operatori professionali del settore.

«Il consolidamento dell’editoria piccola e media in Italia negli ultimi anni dimostra la capacità del settore di sapersi innovare e rendersi sempre più competitivo», ha spiegato il presidente del Gruppo Piccoli Editori, Diego Guida, commentando la crescita nelle vendite registrata dal settore.

Tra gli ospiti di questa edizione di “Più libri più liberi” ci sono stati gli scrittori Roberto Saviano, Michela Murgia, Giulia Caminito, Nadia Terranova, Paolo Di Paolo, il fumettista Zerocalcare, la direttrice esecutiva del New York Times Jill Abramson e la giornalista e attivista Ece Temelkuran.

Le novità di quest’anno sono state tante. Per esempio vi è stata l’apertura al pubblico dell’Auditorium della Nuvola. Questo spazio suggestivo, nel cuore della struttura progettata da Massimiliano Fuksas, ha ospitato una serie di eventi speciali, come la lettura dell’attore Luca Zingaretti di “Mamma carissima – lettere inedite dall’archivio Camilleri”.

Sono stati proclamati durante l’evento anche i vincitori del prestigioso Premio Strega Ragazze e Ragazzi, assegnato a libri di narrativa per bambini e giovani, pubblicati in Italia, anche in traduzione.

La cultura al servizio della libertà

Quest’anno il tema scelto è stata la libertà, in tutti i suoi significati. La libertà è collettiva e personale, è l’impegno per i diritti civili e politici, è quella di stampa e di espressione. Ma la libertà è anche quella che regala la cultura, attraverso le parole scritte nei libri.

Qual è il libro che ti ha liberato? È questa la domanda che è stata fatta agli ospiti nazionali e internazionali. Successivamente ogni volume nominato è stato donato dall’ospite, con una dedica, a quei luoghi dove la libertà è invece sospesa: le carceri.

Riflette il senso di libertà anche il manifesto di “Più libri più liberi” del 2021, a cura di Lorenzo Mattotti, disegnatore e fumettista. La nuvola al centro del manifesto diventa una mongolfiera con a bordo due lettori. Con questo semplice simbolo si vuole richiamare il potere della letteratura di portarci in volo verso gli infiniti territori della fantasia, liberandoci dalla realtà.

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili