domenica, Ottobre 17, 2021

Milano “capitale del clima”: sfilano in 50mila

Ultime News

“L’Onda che verrà”. Un viaggio tra riflessioni e turbamento, con Sergio Muniz

Il primo evento nazionale di respiro globale, “L’Onda che verrà” organizzato dalla Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO per la tutela...

Bari, il Tribunale condanna l’INPS a risarcire esposti all’amianto

Accolte le richieste dell’avv. Ezio Bonanni e dell’ONA. Il giudice del lavoro riconosce la prolungata esposizione all'amianto di due...

Genova, stroncato traffico illecito di rifiuti speciali pericolosi

Funzionari delle Dogane in servizio al porto di Genova hanno bloccato 10 tonnellate di estintori e fotocopiatrici diretti in...

Studenti e attivisti di diverse associazioni per il clima hanno invaso le vie del centro di Milano per manifestare contro l’immobilismo dei governi verso la crisi climatica

Migliaia di studenti e attivisti di diverse associazioni per il clima, arrivati da tutto il mondo, hanno sfilato, questa mattina per le strade di Milano. La città della “Madonnina” è per cinque giorni “capitale del clima”, grazie alla Pre-Cop26, il summit delle Nazioni Unite preparativo verso la COP26 di Glasgow e il meeting di Youth4climate.

A guidare il corteo Greta Thunberg, nel capoluogo lombardo dove giovedì 30 settembre è intervenuta al meeting di Youth4climate e ha incontrato il premier Draghi.

I ragazzi hanno manifestato la loro rabbia per l’immobilismo dei governi verso la crisi climatica con slogan e canzoni. Greta ha cantato “Bella ciao”.

Tantissimi gli slogan scanditi ad alta voce e scritti a mano sui cartelloni. Il corteo ha chiuso la tre giorni del convegno di Youth4climate dove hanno ponderato i rimedi per risolvere gli effetti dei cambiamenti climatici nel mondo.

«Ciao Milano», saluta Greta in italiano

«Ciao Milano! Grazie di essere qui, è incredibile vedere così tante persone», si è rivolta in italiano ai manifestanti Greta Thunberg, dal palco allestito sul piazzale Damiano Chiesa.

«Ogni giorno che aspettiamo renderà peggiori le condizioni per le persone colpite dalla crisi climatica. I ministri del mondo riuniti qui a Milano pensano di avere la soluzione per il mondo con i loro bla bla bla e noi siamo stanchi di questo. La speranza non arriva dall’inazione e da promesse vuote come “Tutto andrà bene” e “Stiamo facendo tutto quello che possiamo”. La speranza è questo, le persone riunite per creare un cambiamento, la speranza siamo noi».

Vanessa «in Africa situazione sempre peggiore»

A guidare il corteo accanto alla diciottenne svedese, Vanessa Nakate, la ventiquattrenne ugandese che da gennaio 2019 si è attivata per sensibilizzare sull’argomento nel proprio Paese e su tutto il continente africano. 

«Continueremo a scioperare, non staremo zitti – ha detto anche Vanessa dal palco – ma continueremo a scioperare dando voce a chi non ha voce. Ma più parliamo più diventiamo forti. Se continuiamo a colpire il pianeta, la situazione in Africa sarà sempre peggiore».

Sul palco di Milano i rappresentanti di FridaysForFuture e altri attivisti

Sul podio si sono alternati i rappresentanti delle diverse associazioni ambientaliste. Il meeting di Youth4climate è servito per mettere al centro dell’attenzione climatica il tema della giustizia ambientale, è stato detto. Messaggi di delusione sono stati inviati al ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani e al presidente del consiglio Mario Draghi.

«A novembre faremo la storia a Glasgow!»

I ragazzi chiosano che non sono più disposti ad accettare l’attuale sistema di sviluppo. Pertanto, secondo gli studenti, la transizione ecologica la devono pagare chi ha continuato a inquinare il pianeta, i ricchi, i potenti e i governi complici.

Un giovane del Regno Unito, secondo cui la COP26 sarà l’ennesima “stronzata”, ha detto che «a novembre faremo la storia a Glasgow!».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili