Livorno prima città “intelligente “

Livorno - lungomare

Grazie al nuovo modello smart city di ENEA, Livorno avrà un risparmio in termini di risorse energetiche, ambientali ed economiche

 

Un progetto, quello di ENEA, che consentirà risparmi energetici totali fino al 70% oltre a un taglio della CO2 di oltre 1.400 tonnellate annue.

Livorno smart city

Si tratta di alcune delle tecnologie introdotte nel programma di riqualificazione in chiave smart della città di Livorno che prevede l’utilizzo di lampioni a led intelligenti, semafori telecontrollati, sensori e telecamere per la gestione del traffico e della sosta dei veicoli ma anche per il monitoraggio ambientale.
Queste attività rientrano nell’ambito del progetto ES-PA – Energia e Sostenibilità per la Pubblica Amministrazione, coordinato dall’ENEA – l’Ente sostiene il sistema produttivo e le autorità pubbliche (ministero dell’Ambiente e ministero dello Sviluppo economico in particolare) nella transizione verso l’economia circolare e l’efficienza delle risorse -, per rafforzare le competenze degli amministratori pubblici sui temi energetici e della sostenibilità e costruire modelli replicabili in tutta Italia.
Il tutto porterà benefici economici ma anche un impatto positivo sulla vita dei cittadini: sistemi illuminanti con regolazione del flusso luminoso sia nelle strade sia nei parchi e nei monumenti.
Inoltre, il progetto prevede l’uso di torrette di ricarica elettrica e per il pronto soccorso, sensori per il controllo dell’allagamento di sottopassi, la riqualificazione delle linee elettriche, sistemi di video sorveglianza, Wi-Fi urbano e fibra ottica, il tutto coordinato da una piattaforma urbana che raccoglie e redistribuisce i dati, secondo principi di interoperabilità definiti da ENEA.

«Questo modello rappresenta la combinazione vincente di innovazione, rispetto per l’ambiente e risparmio economico» sottolinea Mauro Annunziato responsabile della divisione ENEA “Smart Energy”; «infatti gli investimenti necessari per introdurre le soluzioni tecnologiche concordate tra ENEA, Comune e aziende saranno sostenute interamente dalle imprese stesse, mentre i costi di investimento saranno recuperati attraverso i risparmi energetici che le soluzioni stesse garantiranno».

Smart city

Per portare a termine questa iniziativa, il Comune di Livorno non dovrà effettuare nessun investimento. Anzi, i costi di gestione dell’intero nuovo sistema smart costeranno all’Amministrazione il 20% in meno rispetto a quanto al momento paga per la sola illuminazione pubblica.

«Non solo il Comune di Livorno non dovrà effettuare nessun investimento» conclude Annunziato, «ma In questo senso, il “modello Livorno” può essere generalizzato in una policy nazionale che consente di risparmiare risorse energetiche, ambientali ed economiche per dare al cittadino molti più servizi e migliorare la qualità della vita e la sicurezza».

Leave a Comment

Your email address will not be published.