venerdì, Settembre 17, 2021

Incendi, una manna per i soliti noti

Ultime News

Il viaggio nella Natura, di Iginio Iurilli

La mostra del pittore pugliese Iginio Iurilli a Berlino dal 18 settembre 2021Un viaggio nella Natura e nella sua...

La Corona di Matilde: un paesaggio rurale di interesse storico-culturale

L’Accademia Nazionale Di Agricoltura, in collaborazione con il Comune di Alto Reno Terme (BO) e l’Associazione Castanicoltori Alta Valle...

Squalo tigre: prodotti alimentari e articoli da collezione. Specie a rischio

Con i nostri oceani gravemente degradati, il ripristino dello squalo tigre rappresenta un punto cardine per aumentare la loro...

Alcuni comuni sardi più colpiti dal fuoco rientrano tra le zone eleggibili dei bandi europei sui danni causati da eventi catastrofici

L’incendio di vastissime proporzioni che recentemente ha devastato la Sardegna, ha sollevato diversi dubbi sugli interessi intercorrenti tra gli incendi boschivi e i bandi europei.

Un argomento scottante che abbiamo trattato pochi giorni fa e sul quale ritorniamo per aggiungere nuovi particolari.

Sembra esistere una “strana” sovrapposizione tra gli incendi boschivi e i bandi europei del Piano di Sviluppo Rurale per il “sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici (Misura 8, sottomisura 8.3)”.

In Sardegna, il bando è stato prorogato più volte e attualmente la scadenza è fissata per il prossimo 31 ottobre. Ora, tramite alcune notizie di stampa, è emerso che alcuni dei comuni più colpiti dal fuoco rientrano tra le zone eleggibili del bando.

La situazione è analoga a quella verificatasi in Calabria nel 2017, in cui, a causa del mancato aggiornamento obbligatorio del Catasto delle aree percorse dal fuoco ex L. 353/00, i bandi rischiavano di finanziare chi appiccava il fuoco per usufruire dei fondi del successivo imboschimento o di opere idraulico forestali.

Il commento del presidente del Fondo Forestale Italiano

Emanuele Lombardi, presidente del Fondo Forestale Italiano, interviene con un commento sul nostro articolo, affermando che «se l’assenza di incendi boschivi fosse economicamente più conveniente del loro spegnimento, allora si lavorerebbe di più sulla prevenzione.

Attualmente, per le attività di spegnimento degli incendi boschiv,i Stato e Regioni impiegano, oltre a personale dipendente delle varie amministrazioni, apposito personale stagionale e ditte private. In questa situazione, più sono numerosi e vasti gli incendi, tanto più numeroso e retribuito è il personale stagionale e maggiori sono le risorse economiche da destinare alle ditte private».

Meno incendi ci sono più si guadagna

Sarebbe auspicabile rovesciare tale aberrante logica e passare dal concetto “più si spegne più si guadagna” al concetto “meno incendi ci sono più si guadagna”.

«In questa nuova visione – continua Lombardi – chi lotta contro gli incendi boschivi è pagato per fare prevenzione e per spegnerli, ma guadagna di più quando essi non succedono. In questo modo le attività più redditizie sono quelle di prevenzione e non quelle di spegnimento.

Chi si assume l’incarico AIB di un certa zona riceve un compenso determinato a priori, ma pagato a posteriori e decurtato in base al numero degli incendi avvenuti e alla superficie boschiva andata distrutta dal fuoco.

In pratica – conclude il presidente – il compenso viene erogato al 100% solo se nell’anno non ci sono stati incendi boschivi e scende in base al numero di incendi eventualmente avvenuti e alle superfici boschive andate distrutte dal fuoco. Il compenso si trasforma in rimborso allo Stato in caso di incendi particolarmente disastrosi che chi aveva l’incarico AIB non è riuscito a contenere».

2 COMMENTS

  1. Di questi bandi europei a favore di chi nel 2017 subi tali incendi non ne ho sentito parlare,ne mi risulta che ci furono indennizzi per calamita’ naturali do questo tipo

  2. “più sono numerosi e vasti gli incendi, tanto più numeroso e retribuito è il personale stagionale e maggiori sono le risorse economiche da destinare alle ditte private” cit
    Trovo imprecisioni in questa analisi: il personale stagionale non è retribuito o assunto in maniera proporzionale al numero di incendi, forse i dirigenti o le ditte private hanno un proprio tornaconto….
    Per il resto l’analisi formulata sembra essere purtroppo, più che condivisibile😓😓

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili