martedì, Luglio 23, 2024

“Festival del paesaggio”. A Chieri un viaggio emozionante tra riflessioni e variazioni

Ultime News

                                                                                                     DAL 16 AL 24 MARZO, CHIERI (TO) SI TRASFORMA IN UN PALCOSCENICO INCANTATO PER LA PRIMA EDIZIONE DEL “FESTIVAL DEL PAESAGGIO-RIFLESSIONI CON VARIAZIONI”. UN’ESPERIENZA STRAORDINARIA, IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE DELLA COMUNITÀ CHIERESE. UN INVITO A ESPLORARE IL FASCINO MUTEVOLE DEL PAESAGGIO LOCALE ATTRAVERSO NOVE GIORNI RICCHI DI EVENTI

“Festival del Paesaggio – Riflessioni con Variazioni” 

Il Festival è un invito a guardare oltre l’apparenza. Oltre a promuovere la riflessione, l’evento mira ad accrescere la connessione emotiva dei cittadini con il territorio, sottolineando le potenzialità uniche che il paesaggio offre e rinforzando il senso di appartenenza.

Un richiamo a scavare nelle storie intrecciate tra le colline e i vigneti, per scoprire la saggezza racchiusa nei dettagli di un paesaggio in continua evoluzione.

Nove giornate che promettono insomma un viaggio emozionante.

Immersa tra arte, cultura e natura, Chieri diventerà un crocevia di emozioni, con eventi che fanno eco ai cambiamenti del paesaggio, dalle sue sfumature più tenui alle variazioni più sorprendenti.

Una sinfonia di colori, suoni e profumi che avvolgerà i partecipanti, suscitando non solo curiosità ma anche un senso profondo di connessione con la terra che chiamiamo casa.

Esplorando il cuore di Chieri

Frutto di collaborazione tra associazioni, operatori, scuole, professionisti ed esperti, il programma offre un tuffo profondo nelle molteplici sfaccettature del paesaggio locale, raccontandolo con vari strumenti e linguaggi.

Dalle mostre fotografiche che catturano l’anima mutevole di Chieri, alle presentazioni di libri che narrano storie intrecciate tra le colline e i vigneti, il programma appare avvincente.

Ma il festival va oltre

Escursioni a piedi, in bicicletta e visite guidate, sveleranno segreti celati tra le pieghe della terra, per vivere il paesaggio in modo tangibile.

Le radici profonde del territorio emergeranno anche attraverso attività che abbracciano la diversità dei settori, dal turismo di prossimità alle attività rurali. 

Anche le passeggiate tra le vie di Chieri, borgo arroccato sullo sperone sudoccidentale della collina torinese, diventano un percorso di scoperta.

Ogni passo svela infatti nuovi dettagli e ogni angolo custodisce un frammento di bellezza. 

I tesori del Chierese

«Ci sono ancora tanti chieresi che paiono non rendersi conto del tesoro su cui vivono, ovvero il nostro paesaggio». A dichiararlo in una nota, il sindaco di Chieri Alessandro Sicchiero. «Il Chierese è un tesoro da continuare a valorizzare, con una straordinaria ricchezza ambientale e culturale. 

Il paesaggio non è solo natura, ma è anche beni culturali, chiese, musei, castelli. Questo Festival nasce proprio per accrescere in tutti noi la consapevolezza delle potenzialità del paesaggio, della necessità di prendercene cura e di valorizzarlo.

Favorisce un turismo “slow” che consente di apprezzare con lentezza le bellezze del territorio. Darà anche l’occasione per approfondire conoscenze preziose per le scelte di pianificazione territoriale.

Scelte che devono essere sempre più incentrate sulla sostenibilità, il non consumo di suolo, la tutela della biodiversità naturale e culturale». 

«La Fondazione di Comunità Chierese si è messa volentieri a disposizione dell’iniziativa del Comune di Chieri, condividendone lo spirito e le finalità – così commenta, invece, il presidente Riccardo Civera -. L’ideazione del palinsesto e degli eventi contenuti nel programma è stato seguito dai fondatori. Essi hanno messo in campo le loro competenze sul tema e la fitta rete di relazioni costruita in questi anni con enti e associazioni del territorio».

Attori principali del Festival

Tra gli attori principali, a oggi il Festival del Paesaggio coinvolge l’Archivio Storico di Chieri, Turismo Torino e Provincia, il Distretto del cibo Chierese-carmagnolese, la galleria privata FineArt.

E ancora, l’Associazione Ciòchevale, l’Associazione Trame, l’Associazione F8, l’Istituto Scolastico Vittone-Sezione Agraria, il Cinema Splendor, la Libreria della Torre, la Libreria Mondadori di Chieri.

Presenti anche la Fondazione ENGIM–Sede di Chieri, il Museo del Paesaggio Sonoro di Riva Presso Chieri, l’Associazione Compagnia della Chiocciola, l’Associazione Fiab MuovitiChieri,  l’Associazione Nordic Walking Andrate, l’UNITRE Chieri.

Infine, l’Associazione ApritiCielo Infinito – Planetario di Torino Museo dell’Astronomia e dello Spazio “Attilio Ferrari”, il Viridarium Lab-Garden dell’Associazione Culturale Sguardo nel Verde.

Il “Festival del Paesaggio” ha ottenuto un prestigioso riconoscimento grazie alla partecipazione della Riserva MAB UNESCO come partner al patrocinio.

Cosa che sottolinea l’importanza della manifestazione nel promuovere e rispettare la MAB Strategy (2015-2025), la Lima Action Plan (2016-2025) e la Lima Declaration. 

MAB Stragetgy, Lima Action Plan e Lima Declaration

Nello specifico, MAB Strategy è un programma che combina le scienze naturali e sociali con l’obiettivo di migliorare i mezzi di sussistenza umani e salvaguardare gli ecosistemi naturali e gestiti.

In questo modo promuove approcci innovativi allo sviluppo economico che siano socialmente e culturalmente appropriati e sostenibili dal punto di vista ambientale;

Lima Action Plan è un programma che contiene un insieme completo di azioni volte a garantire l’efficace attuazione della Strategia MAB 2015-2025;

Lima Declaration traccia le priorità di sviluppo dell’Organizzazione per i prossimi anni, ponendo particolare enfasi sullo sviluppo industriale inclusivo e sostenibile.

UNESCO a sostegno dell’evento

UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura) conferma la dedizione del festival a preservare e valorizzare il paesaggio come patrimonio culturale e naturale.

Per coloro che desiderano partecipare a questo straordinario viaggio nel cuore di Chieri, il programma dettagliato del festival sarà presto disponibile sul sito ufficiale

Concludiamo questo capitolo con l’augurio che il “Festival del Paesaggio – Riflessioni con Variazioni” sia il primo di tanti, scritti con amore e condivisi con il mondo, per continuare a celebrare la straordinaria ricchezza di Chieri.

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili