mercoledì, Maggio 29, 2024

Euro 7, verso un’Europa più green (ma non troppo)

Ultime News

LE AUTO DI NUOVA IMMATRICOLAZIONE DAL 2025 DOVRANNO RISPETTARE NUOVI STANDARD PER RIDURRE LE EMISSIONI. NON CAMBIA NULLA PER I VEICOLI IN CIRCOLAZIONE. IL 13 MARZO 2024 IL PARLAMENTO EUROPEO HA DATO L’OK AL NUOVO REGOLAMENTO SUGLI EURO 7

Gli eurodeputati, lo scorso 13 marzo, hanno dato l’ok alle nuove norme UE per ridurre le emissioni di autovetture, furgoni, autobus, camion. I voti favorevoli sono stati 297; 190 i contrari e 37 le astensioni. A passare, la versione negoziata con il Consiglio.

Anche quest’ultimo, però, perché entri in vigore il nuovo regolamento euro 7, dovrà approvare formalmente l’accordo. Quindi ci si aspetta un ulteriore passaggio nelle prossime settimane.

Parlamento Europeo
Strasburgo, il Parlamento Europeo

Euro 7: è passata la versione negoziale

Il 10 novembre 2022 la Commissione aveva proposto standard molto rigorosi sulle emissioni di inquinanti atmosferici. I produttori avevano però espresso perplessità per i nuovi standard e avevano messo in evidenza rischi, secondo loro, troppo alti per il mercato.

I nuovi limiti sulle emissioni infatti riguardavano tutti i nuovi veicoli con motore a combustione, indipendentemente dal carburante utilizzato, con tempi diversi di applicazione a seconda se auto o mezzi pesanti.

Così era iniziata la trattativa in Parlamento, che ha lungamente dibattuto sull’argomento. Alla fine è prevalsa la versione negoziale tra le varie parti. Ma sarà sufficiente per limitare le a dovere le emissioni di CO2 in atmosfera in Europa? Purtroppo assistiamo sempre più spesso a fenomeni meteorologici estremi e il cambiamento climatico si fa strada ogni giorno di più. Sfortunatamente, non riusciremo a vedere i risultati delle nostre azioni di oggi, se non fra anni.

«Abbiamo trovato con successo un equilibrio tra gli obiettivi ambientali e gli interessi vitali dei produttori. Vogliamo garantire l’accessibilità economica delle nuove auto più piccole con motore a combustione interna per i clienti domestici e allo stesso tempo consentire all’industria automobilistica di prepararsi alla prevista trasformazione del settore. L’UE ora si occuperà anche delle emissioni di freni e pneumatici e garantirà una maggiore durata delle batterie». A dichiararlo, il relatore Alexandr Vondra (ECR, CZ).

inquinamento euro 7

Euro 7, il nuovo regolamento in sintesi

Per i veicoli attualmente in circolazione non cambierà nulla. Relativamente alle nuove immatricolazioni, invece, dal 2025 ci saranno nuovi requisiti da rispettare, anche se meno stringenti rispetto a quanto ipotizzato all’inizio.

Per le auto e i furgoni infatti saranno mantenute le attuali condizioni di prova Euro 6 e i limiti sulle emissioni di scarico. Autobus e camion, invece, pur mantenendo le attuali condizioni di prova Euro 6, vedranno applicati limiti più severi per le emissioni di scarico misurate in laboratorio e in condizioni di guida reali.

Per il resto ecco, in sintesi, quanto previsto dalla nuova bozza approvata dal Parlamento UE.

  • I veicoli stradali resteranno più puliti più a lungo, migliorando la qualità dell’aria.
  • Limiti inferiori delle emissioni di scarico per autobus e camion.
  • Nuove misure per limitare le emissioni di particelle da pneumatici e freni e per aumentare la durata della batteria.
  • Passaporto ambientale del veicolo per contenere informazioni sulle prestazioni ambientali.
EMISSIONI CO2 AUTO

Passaporto ambientale per ogni veicolo in circolazione

La novità forse più grande che il nuovo regolamento metterà in atto è che per ciascun veicolo sarà messo a disposizione un Passaporto Ambientale con le informazioni sulle prestazioni ambientali del veicolo stesso al momento della registrazione. Parliamo di limiti di emissioni inquinanti, emissioni di CO2, consumo di carburante ed energia elettrica, autonomia elettrica, durata della batteria.

«Gli utenti dei veicoli – spiega l’UE – avranno inoltre accesso a informazioni aggiornate sul consumo di carburante, sullo stato della batteria, sulle emissioni inquinanti e altre informazioni rilevanti generate dai sistemi e dai monitor di bordo».

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili