sabato, Settembre 18, 2021

Erosione costiera e misure di mitigazione

Ultime News

Il viaggio nella Natura, di Iginio Iurilli

La mostra del pittore pugliese Iginio Iurilli a Berlino dal 18 settembre 2021Un viaggio nella Natura e nella sua...

La Corona di Matilde: un paesaggio rurale di interesse storico-culturale

L’Accademia Nazionale Di Agricoltura, in collaborazione con il Comune di Alto Reno Terme (BO) e l’Associazione Castanicoltori Alta Valle...

Squalo tigre: prodotti alimentari e articoli da collezione. Specie a rischio

Con i nostri oceani gravemente degradati, il ripristino dello squalo tigre rappresenta un punto cardine per aumentare la loro...

Se ne parla delle nel convegno “Erosione costiera e misure di mitigazione”, che si svolge giovedì 19 dicembre 2019 nell’Aula Magna del Palazzo di Scienze della Terra, Campus Universitario, a Bari.

Conoscenza e pianificazione per tutelare le coste

Focus del seminario il delicatissimo equilibrio rappresentato dalla linea di costa, luogo in cui si materializzano dinamiche contrastanti e naturali. Talvolta, però, sono gli interventi antropici a scatenare forti impatti. Come lo sbarramento dei fiumi per le coste basse o l’occupazione della sommità delle falesie per le coste alte. Il tutto in uno scenario dove il cambiamento climatico e la variazione del livello del mare rappresentano variabili non più trascurabili.

erosioneUn fattore importante da considerare nella gestione dei litorali è che, in una data area costiera, possa verificarsi il rischio di un evento di una data intensità, in un determinato periodo di tempo. E che questo, poi, possa creare un valore alto di perdite (R = Pericolosità x Vulnerabilità x Esposizione).

Ormai, le misure di mitigazione dell’erosione costiera, tecnicamente sono cosa acquisita; e questo anche grazie all’evoluzione tecnologica e all’utilizzo di strumenti sempre più all’avanguardia come i satelliti, i droni ecc..

Tuttavia, prima di tutto è necessario eseguire una seria analisi dei fattori che maggiormente incidono sulle cause dell’erosione e sulla sua pericolosità.

Analisi che, poi, abbinate a una politica sempre vocata alla sostenibilità ambientale.

Ragionevole gestione e fruizione di questi splendidi ambienti.

Il convegno si apre con …

Il Convegno è organizzato dalla Società italiana di geologia ambientale (Sigea), dall’Università degli studi di Bari “Aldo Moro” – Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali, dall’Ordine dei geologi della Puglia (Org) e con la con la co-organizzazione dell’Ordine degli ingegneri della Provincia di Bari e dell’Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali della Provincia di Bari.

erosioneL’incontro si apre con i saluti istituzionali di Stefano Bronzini – Magnifico Rettore dell’Università di Bari, di Giuseppe Mastronuzzi – Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari, di Salvatore Valletta, Presidente dell’Org, di Raffaele Lopez, Presidente della Sigea – Sezione Puglia.

I lavori comprendono una sessione mattutina, presieduta da Umberto Simeoni dell’Università degli studi di Ferrara, una sessione pomeridiana, coordinata da Giuseppe Spilotro dell’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente del Consiglio nazionale delle ricerche (Irea – Cnr) e una tavola rotonda coordinata da Gianni Matera, giornalista Rai -Tgr Puglia.

Dopo il convegno è prevista la cerimonia di premiazione del Concorso Fotografico Passeggiando tra i Paesaggi Geologici della Puglia giunto alla decima edizione.

È possibile iscriversi all’evento entro il 17 dicembre 2019; per i geologi, gli ingegneri e i dottori agronomi-forestali partecipanti all’intero evento saranno riconosciuti CFP secondo i relativi regolamenti formativi. Inoltre, con nota del MIUR U.0049124.29-11-2019, è stato concesso l’esonero dall’obbligo di servizio ai docenti di ogni ordine e grado.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

Consulenza gratuita

    Articoli simili