Coronavirus: WHO sfata principali leggende metropolitane

Coronavirus Coronavirus

La paura è una pulsione primordiale del genere umano, un impulso insito in ogni animale, preesistente ad ogni stadio della civiltà e a qualsiasi forma di cultura e di raziocinio, riconducibile all’istinto di auto-conservazione della specie. Nella sezione mythbuster di WHO  si può trovare un elenco dei falsi miti ed una risposta alle domande più frequenti sul temibile Coronavirus.

In questi ultimi tempi, la paura ha un nome ben preciso: Coronavirus.

Da quando è scoppiata questa terribile pandemia, i massimi esperti mondiali lavorano senza sosta per trovare un modo di arginarne la diffusione, al tempo stesso la popolazione è assalita da mille ragionevoli dubbi e quesiti. 

Word Health Organization 

World Health Organization sul Coronavirus
Coronavirus: WHO sfata principali leggende metropolitane

Sulla sezione mythbuster, World Heart Organization sfata le principali leggende metropolitane e stila un elenco di risposte chiarificatrici che riportiamo in questo articolo.

Il virus COVID-19 può essere trasmesso in aree con climi caldi e umidi?

Dalle prove fino ad ora, il virus COVID-19 può essere trasmesso in tutte le aree geografiche, comprese le aree con clima caldo e umido. 

  • Il freddo e la neve possono uccidere il nuovo coronavirus?

Non c’è motivo di credere che il freddo possa uccidere il nuovo coronavirus o altre malattie.  La normale temperatura del corpo umano rimane tra 36,5 ° C e 37 ° C, indipendentemente dalla temperatura esterna o dalle condizioni meteorologiche.  

  • Fare un bagno caldo impedisce la nuova malattia da coronavirus?

Fare un bagno caldo non impedisce di catturare COVID-19.  La normale temperatura corporea rimane tra 36,5 °C e 37 °C, indipendentemente dalla temperatura del bagno o della doccia.

  • Il nuovo coronavirus può essere trasmesso attraverso le punture di zanzara?

Ad oggi non ci sono state informazioni o prove che suggeriscano che il nuovo coronavirus possa essere trasmesso dalle zanzare.  Il nuovo coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso goccioline generate quando una persona infetta tossisce o starnutisce o attraverso goccioline di saliva o secrezioni dal naso. 

  • Gli essiccatori per asciugare le mani sono efficaci nell’uccidere il nuovo coronavirus?

No. 

  • Le lampade di disinfezione a raggi ultravioletti possono uccidere il nuovo coronavirus?

Le lampade UV non devono essere utilizzate per sterilizzare le mani o altre aree della pelle poiché le radiazioni UV possono causare irritazione alla pelle.

  • Quanto sono efficaci gli scanner termici nel rilevare le persone infette dal nuovo coronavirus?

Gli scanner termici sono efficaci nel rilevare le persone che hanno sviluppato la febbre (cioè hanno una temperatura corporea più alta del normale) a causa dell’infezione con il nuovo coronavirus.

Tuttavia, non sono in grado di rilevare persone che sono infette ma non sono ancora malate di febbre.  Questo perché ci vogliono dai 2 ai 10 giorni prima che le persone infette si ammalino e sviluppino la febbre.

  • Spruzzare alcol o cloro su tutto il corpo può uccidere il nuovo coronavirus?

No. Spruzzare alcol o cloro su tutto il corpo non ucciderà i virus che sono già entrati nel tuo corpo.  La spruzzatura di tali sostanze può essere dannosa per i vestiti o le mucose (ad es. occhi, bocca).  Essere consapevoli del fatto che sia l’alcool che il cloro possono essere utili per disinfettare le superfici ma devono essere utilizzati secondo le raccomandazioni appropriate.

  • I vaccini contro la polmonite proteggono dal nuovo coronavirus?

No. I vaccini contro la polmonite, come il vaccino pneumococcico e il vaccino contro l’influenza Haemophilus di tipo B (Hib), non forniscono protezione contro il nuovo coronavirus.

Il virus è così nuovo e diverso che ha bisogno del proprio vaccino. I ricercatori stanno cercando di sviluppare un vaccino contro 2019-nCoV e l’OMS sta supportando i loro sforzi.

Sebbene questi vaccini non siano efficaci contro 2019-nCoV, la vaccinazione contro le malattie respiratorie è altamente raccomandata per proteggere la tua salute.

  • Il risciacquo regolare del naso con soluzione salina può aiutare a prevenire l’infezione con il nuovo coronavirus?

No. Non ci sono prove che il risciacquo regolare del naso con soluzione salina abbia protetto le persone dalle infezioni con il nuovo coronavirus.

Esistono prove limitate che il risciacquo regolare del naso con soluzione salina può aiutare le persone a riprendersi più rapidamente dal comune raffreddore. Tuttavia, non è stato dimostrato che il risciacquo regolare del naso prevenga le infezioni respiratorie.

  • Mangiare aglio può aiutare a prevenire l’infezione con il nuovo coronavirus?

L’aglio è un alimento sano che può avere alcune proprietà antimicrobiche.  Tuttavia, non ci sono prove dell’attuale epidemia che il consumo di aglio abbia protetto le persone dal nuovo coronavirus.

  • Il nuovo coronavirus colpisce le persone anziane o anche i più giovani sono sensibili?

Le persone di tutte le età possono essere infettate dal nuovo coronavirus 2019-nCoV.  Le persone anziane e le persone con condizioni mediche preesistenti (come l’asma, il diabete, le malattie cardiache) sembrano essere più vulnerabili a diventare gravemente malate con il virus.

  • Gli antibiotici sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento del nuovo coronavirus?

No, gli antibiotici non funzionano contro i virus, ma solo i batteri.

Il nuovo coronavirus 2019-nCoV è un virus e, pertanto, gli antibiotici non devono essere usati come mezzo di prevenzione o trattamento.

Tuttavia, chi è ricoverato in ospedale per il 2019-nCoV, potrebbe ricevere antibiotici perché è possibile una coinfezione batterica.

  • Esistono medicinali specifici per prevenire o curare il nuovo coronavirus?

Ad oggi, non esiste un medicinale specifico raccomandato per prevenire o curare il nuovo coronavirus 2019-nCoV.

Tuttavia, le persone infette dal virus dovrebbero ricevere cure adeguate per alleviare e trattare i sintomi e chi è affetto  da malattie gravi dovrebbe ricevere cure di supporto ottimizzate.  Alcuni trattamenti specifici sono in fase di studio e saranno testati attraverso studi clinici.  

  • Gli esseri umani possono essere infettati dal COVID-19 da una fonte animale?

I coronavirus sono una grande famiglia di virus comuni negli animali. Occasionalmente, le persone vengono infettate da questi virus che possono poi diffondersi ad altre persone.  Ad esempio, SARS-CoV era associato a gatti civette e MERS-CoV è trasmesso da cammelli dromedari.  Le possibili fonti animali di COVID-19 non sono state ancora confermate.

Sebbene ci siano stati alcuni casi di infezione di un cane a Hong Kong, ad oggi, non ci sono prove che un cane, un gatto o un animale domestico possa trasmettere COVID-19.  COVID-19 si diffonde principalmente attraverso le goccioline prodotte quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla.  

  • Quanto tempo vive il virus sulle superfici?

Non è certo per quanto tempo il virus che causa COVID-19 sopravvive sulle superfici ma sembra comportarsi come altri coronavirus.  Gli studi suggeriscono che i coronavirus (comprese le informazioni preliminari sul virus COVID-19) possono persistere sulla superficie per alcune ore o fino a diversi giorni. Ciò può variare in diverse condizioni (ad es. tipo di superficie, temperatura o umidità dell’ambiente).

  • È sicuro ricevere un pacco da qualsiasi area in cui è stato segnalato COVID-19?

Sì.  La probabilità che una persona infetta contamini i prodotti commerciali è bassa e anche il rischio di catturare il virus che causa COVID-19 da un pacco che è stato spostato, viaggiato ed esposto a condizioni e temperature diverse è anch’esso basso.

Inevitabili e importanti conclusioni da considerare

  • Come si diffonde COVID-19?

Le persone possono prendersi il COVID-19 da altri che hanno il virus.  La malattia può diffondersi da persona a persona attraverso piccole goccioline dal naso o dalla bocca che si diffondono quando una persona con COVID-19 tossisce o espira.  Queste goccioline atterrano su oggetti e superfici intorno alla persona. 

Altre persone quindi si contagiano COVID-19 toccando questi oggetti o superfici, quindi toccando i loro occhi, naso o bocca.  Le persone possono anche prendere COVID-19 se respirano goccioline da una persona con COVID-19 che tossisce o espira goccioline.  Ecco perché è importante stare a più di 1 metro di distanza da una persona malata.

  • Il virus che causa COVID-19 può essere trasmesso attraverso l’aria?

Gli studi fino ad oggi suggeriscono che il virus che causa COVID-19 viene trasmesso principalmente attraverso il contatto con le goccioline respiratorie piuttosto che attraverso l’aria.  

  • CoVID-19 può essere trasmesso da una persona che non ha sintomi?

Il modo principale in cui la malattia si diffonde è attraverso le goccioline respiratorie espulse da qualcuno che tossisce.  Il rischio di essere contagiati da qualcuno senza sintomi è molto basso. Tuttavia, molte persone con COVID-19 presentano solo sintomi lievi. Ciò è particolarmente vero nelle prime fasi della malattia. È quindi possibile essere contagiati da qualcuno che, ad esempio, ha solo una leggera tosse e non si sente male. L’OMS sta valutando la ricerca in corso sul periodo di trasmissione di COVID-19 e continuerà a condividere i risultati aggiornati.

  • Si può essere contagiati dalle feci di qualcuno con la malattia?

Il rischio di essere contagiati dalle feci di una persona infetta sembra essere basso.  Mentre le indagini iniziali suggeriscono che il virus può essere presente nelle feci in alcuni casi, la diffusione attraverso questa via non è una caratteristica principale dell’epidemia.

Fonte who.int sezione mythbuster

Leave a Comment

Your email address will not be published.