venerdì, Maggio 27, 2022

Caracal: il felino domestico adorato dagli antichi egizi

Ultime News

Gli antichi egizi andavano a caccia in compagnia del bel micione: il caracal, il più affascinante felino dalla storia

Caracal, le origini del nome 

Il termine caracal proviene dal turco “karakulak”, “orecchio nero”, per via di ciuffi neri sulle orecchie.

Nel Nord dell’India e del Pakistan, questo bellissimo felino è noto come syahgosh o shyahgosh. Anche questo termine persiano indica le caratteristiche “orecchie nere“. 

In afrikaans si chiama rooikat, cioè “gatto rosso”, ma il felino selvatico è meglio conosciuto con l’appellativo di ‘’lince del deserto”.

In realtà, sebbene il suo aspetto sia molto simile a quello della lince, il caracal felino è un gatto a tutti gli effetti. È solo più grande e soprattutto selvatico. Il gatto è un felino animale. Il caracal è un felino simile alla lince animale domestico.

Felini domestici più amati dagli antichi egizi

Gli antici egizi adottarono questo animale felino africano per via del suo aspetto elegante e per altre caratteristiche, che lo rendevano un compagno particolarmente “vantaggioso”.

Quando l’afa era insopportabile, i caracal erano ammessi nei palazzi reali, in cambio dell’ospitalità, i felini scacciavano animali pericolosi, come i serpenti (molti dei quali velenosi) e gli scorpioni.

Successivamente divennero simbolo di divinità e di protezione, tanto da avere persino un proprio geroglifico. 

Gli egizi finirono per umanizzare il caracal domestico. 

Ad attestarlo sono scene comiche e storie morali che li raffigurano. 

In alcune, tutti i felini africani punivano le persone per i loro crimini, specialmente quelli contro i gatti egizi. In altre, allevavano addirittura le oche.

I faraoni: i primi “influencer” della storia 

Gli antichi reali egizi, erano dei veri e propri “influencer”, come diremmo oggi. 

Dettavano mode e tendenze: l’addomesticamento del caracal fauna di queste.

I membri della classe reale egiziana vestivano i loro gatti d’oro e lasciavano persino che mangiassero dai loro piatti.  

Le classi inferiori imitavano, seppur con i loro modesti mezzi, le tendenze dei faraoni.

Caracal divinità feline 

Gli egizi avevano una quindicina di dei e dee feline, tra cui la dea protettiva della fertilità Bastet.

Inizialmente Bastet era rappresentata come una leonessa, ma nel tempo assunse le sembianze di una donna con la testa di gatto.

Lo storico Erodoto (scrittore greco e primo storico, 484-425 a.C.),osservò che la festa in onore di Bastet era la più elaborata festa religiosa nell’antico Egitto, quella dedita a sfrenate feste.

Anche il gatto caracal era associato a divinità: in particolare a Mafdet, che proteggeva contro le punture di scorpioni e serpenti e alle Pakhet, le leonesse dee della guerra. 

Ne abbiamo testimonianza dalla lettura dei Testi delle Piramidi (insieme di formule e rituali egizi del periodo detto “Antico Regno”, 2500 a.C.).

I Testi affermano che uno dei ruoli di Mafdet era quello di aiutare un re morto, strappando gli occhi ai serpenti malvagi, grazie agli artigli felini.

Altre divinità feline

Oltre a Madfet, altre divinità minori erano ritratte con le sembianze di un gatto sacro. 

Aker, o Ruty, era ad esempio affiancato da due leoni detti Sef e Duau che sorvegliavano l’orizzonte. Questa era un’occupazione importante perché l’orizzonte era un luogo di rigenerazione sia per le divinità sia per i re.

Era altresì il luogo in cui Ra (dio Sole di Eliopoli, una delle massime divinità egizie) appariva e scompariva ogni giorno. 

Aker era anche naturalmente associato alla morte e alla rinascita, e poteva essere trovato su tavoli da imbalsamazione, feretri e bare.

Raffigurazioni del caracal

Del felino gatto troviamo tracce su geroglifici, obelischi e su numerosi motivi geometrici nell’antica arte egizia. 

Ciò riflette lo status unico dell’animale tra le popolazioni che abitavano lungo il fiume Nilo

Degni di nota sono gli affreschi rinvenuti nel sito di Beni Hasa, all’interno della necropoli dell’antica città di Menat Khufu (circa 20 chilometri a sud della moderna Minya nel Medio Egitto).

Nei dipinti sulle pareti delle tombe, i caracal sono raffigurati seduti sotto le sedie e in grembo, adornati con gioielli e collari, cosa che implica una connessione con le donne e forse la fertilità in generale. In altri, inseguono uccelli o giocano.

Molto diffuse anche le statuine e i vasetti di maiolica e alabastro, a riprova del fatto che i felini selvatici erano molto amati.

In alcuni testi mortuari, sono mostrati con un pugnale intenti a colpire Apopis: la divinità serpente che minaccia Ra (il sole) di notte negli Inferi. 

Molto interessante un affresco che si trova sulle pareti della Tomba di Nebamun, (funzionario e scriba egizio vissuto sotto il regno di Thutmose IV e Amenofi III), ora ospitata al British Museum.

Il dipinto mostra un uomo in piedi su una barca di canne a caccia di uccelli. A sinistra, il suo gatto ha afferrato tre uccelli.

Uno degli occhi del gatto è impreziosito da una doratura a foglia d’oro, che, secondo il British Museum, è “l’unico esempio noto di doratura su dipinti murali nelle cappelle tombali tebane”.

Compagni nell’aldilà

La presenza dei caracal nelle tombe non si limitava solo ai dipinti: a volte venivano mummificati e posti all’interno della tomba del loro compagno umano, come parte del corredo funerario.

Sono state scoperte diverse mummie di questo animale, sepolte insieme con gli umani. 

Ciò attesterebbe la profonda considerazione della quale godeva il caracal, non solo come animale domestico, ma anche per via del suo ruolo di compagno nell’aldilà.

Animali felini o divinità?

La venerazione per questo animale ha anche altre spiegazioni.

Gli antichi egizi credevano che le loro divinità potessero assumere forme diverse, comprese quelle di animali.

In particolare, si sarebbero mostrati non solo con la testa di un gatto, ma anche con un corpo felino.

Ciò significava che la persona deceduta poteva abitare il corpo del gatto mummificato nell’aldilà”, spiega Monique Skidmore, professoressa di antropologia alla Deakin University, multi-campus dello Stato di Victoria, Australia.

Nel dubbio: meglio non uccidere i gatti

Per via di questa credenza, l’uccisione dei gatti lince fu assolutamente proibita, con un’eccezione: la mummificazione. 

Chi violava la legge e feriva intenzionalmente un gatto felino, si beccava una bella condanna a morte.

Una curiosa testimonianza attesta il grande amore degli egizi per il carcal. 

A raccontarcela è ancora una volta Erodoto, secondo cui i membri di una famiglia in cui era morto il gatto di famiglia si sarebbero rasati le sopracciglia. La loro ricrescita avrebbe indicato che il periodo di rispettoso lutto per il gatto lince domestico era terminato.

Conosciamo il bellissimo caracal

Ma chi è veramente il caracal, il gatto più amato dagli egizi? 

Questo affascinante felide selvatico di taglia media vaga per le savane, i deserti e le foreste di gran parte dell’Africa e di parti del Medio Oriente

Il suo mantello ha un colore oro fulvo o rossastro (da qui l’appellativo di gatto rosso) con mento, gola e parte inferiore bianchi.

Il caracal ha grandi orecchie a punta, che terminano con dei ciuffi neri: vero marchio di fabbrica della specie.

Le orecchie hanno oltre venti muscoli che le fanno ruotare come antenne satellitari, per rilevare qualsiasi suono nelle loro vicinanze. 

I ciuffi possono migliorare il suono che entra nelle loro orecchie o essere usati per comunicare, tramite contrazioni e altri movimenti, con altri caracal.

Il muso e le zampe sono decorati con strisce a contrasto di colore scuro. Nei gattini sulla pelliccia, si osservano punti luminosi, che dopo un po ‘scompaiono.

Cacciatori straordinari

Il velocissimo gatto selvatico è specializzato nella caccia. Caratteristica che come abbiamo detto, era assai nota presso antichi egizi. 

I suo cappotto color sabbia gli permette di mimetizzarsi perfettamente, mentre la pelliccia rigida, che ammortizza i cuscinetti, lo rende silenzioso. Cosa che gli consente di attaccare senza essere notato.

Il caracal è un predatore opportunista. Caccia tutto ciò che trova: uccelli, roditori, manguste, iraci (piccoli mammiferi africani) e persino scimmie.

Le zampe posteriori gli consentono di saltare fino a tre metri di altezza e afferrare gli uccelli a mezz’aria, grazie agli artigli spessi e uncinati. A volte poi si arrampica sugli alberi per nascondere le prede, come i leopardi.

Riproduzione del caracal

Il caracal raggiunge la maturità sessuale all’età di un anno circa. Da quel momento si può accoppiare tutto l’anno.

Le femmine indicano la loro disponibilità all’accoppiamento marcando il territorio con le urine. I maschi entrano in lotta fra di loro per conquistarne le grazie.

Sebbene la specie sia per lo più solitaria, solitamente i maschi rimangono con le femmine per diversi giorni, durante il periodo del calore. In questo modo si accoppiano ripetutamente.

La gravidanza dura circa due mesi e mezzo e le madri utilizzano la tana abbandonata di un altro animale, per partorire. 

Di solito la cucciolata è composta da un minimo di tre a un massimo di sei gattini caracal. I piccoli sono ciechi e sordi alla nascita. I loro occhi si aprono dopo circa 10 giorni di vita, più o meno nello stesso momento in cui i loro incisivi diventano visibili per la prima volta.

Le femmine allevano i gattini senza l’aiuto dei maschi, allattandoli per quattro-sei mesi.

A dire il vero, i micetti riescono a mangiare carne quando hanno solo un mese. A nove o dieci mesi, i gattini sono pronti a lasciare le loro madri. I maschi si disperdono molto più lontano delle femmine. 

La loro sopravvivenza media in natura è di circa 12 anni.

Un animale a rischio estinzione?

I Caracal non stanno diminuendo nella maggior parte della loro gamma, ma ultimamente le minacce sono aumentate. 

I principali pericoli derivano dalla distruzione dell’habitat, per via dell’agricoltura indiscriminata e dall’uccisione per rappresaglia.

Questo perché i caracal cacciano piccoli animali domestici quando ne hanno l’opportunità.

La specie è legalmente protetta in gran parte del suo areale. I proprietari terrieri in Namibia e Sud Africa possono tuttavia uccidere un caracal quando è considerato una minaccia per la loro proprietà.

Conclusione: Cacciatore o animale domestico?

In alcune zone dell’Iran e dell’Afghanistan, il caracal è considerato sia un animale domestico, sia un compagno di caccia.

È soprattutto addestrato alla caccia agli uccelli. Ciò si deve virtù alla sua conformazione fisica. Il felino caracal è infatti molto agile ma allo stesso tempo potente (gli esemplari adulti arrivano a pesare anche 20 chilogrammi e ad avere un’altezza di 50 centimetri). 

In Occidente, invece è sempre più richiesto come animale esotico da compagnia. Soprattutto negli Stati Uniti, dove addirittura c’è chi lo porta a spasso con un bel collare. In Italia è severamente vietato tenere in casa animali selvatici.

Insomma: posto che vai, usanza che trovi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili