giovedì, Luglio 18, 2024

Björk torna in Italia con il tour “Cornucopia”

Ultime News

DOPO CINQUE ANNI DI ASSENZA, LA NOTISSIMA CANTAUTRICE ISLANDESE BJÖRK TORNA IN ITALIA, CON IL TOUR “CORNUCOPIA”. DUE GRANDI APPUNTAMENTI DA NON PERDERE, A SETTEMBRE, AL MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO E ALL’UNIPOL ARENA DI BOLOGNA. I BIGLIETTI SARANNO IN VENDITA DALLE 9 DI VENERDÌ 3 FEBBRAIO 2023

Björk torna in Italia dopo cinque di assenza, con il suo spettacolare tour “Cornucopia”. Show originariamente ideato in occasione del disco Utopia, adesso riadattato per includere e promuovere la nuova musica dell’album Fossora, uscito a settembre 2022.

L’artista islandese, cantante, compositrice, attrice e attivista ambientale, è conosciuta nel mondo per il suo eclettismo e per la sua arte poliedrica, visionaria e all’avanguardia. Nonchè, per essere amante della natura e dell’ambiente.

Tantissimi i lavori di successo oltre a quelli citati, come il rivoluzionario Debut o il ricco mix di generi Post. Senza contare le esperienze cinematografiche. Indimenticabile, ad esempio, quella che l’ha vista protagonista nel musical Dancer in The Dark, del regista danese Lars von Trier.

Il ruolo fruttò all’artista il premio come miglior interprete femminile, al Festival di Cannes. E arrivarono riconoscimenti anche per la soundtrack del film, da lei firmata e raccolta nell’album Selmasongs. Notevole il singolo estratto I’ve seen it all, cantato con Thom Yorke dei Radiohead, anch’esso premiato.

Il concept album Fossora

Fossora è stato composto dall’artista, in collaborazione con il duo dance indonesiano Gabber Modus Operandi, i suoi figli, il cantante americano Serpentwithfeet e il sestetto di clarinetti bassi Murmuri.

Il titolo è un riadattamento del latino “fossor”, che declinato al femminile, significa “colei che scava”. Proprio come “una talpa che scava un buco nel terreno” (The Guardian). Questo, infatti, il significato più intimo del disco, ultimato durante la pandemia, quando Björk si era trasferita nella nativa Reykjavìk, per restare li due anni.

Un ritorno alle sue origini e ai vecchi amici, come non faceva da tanto. E molto più tempo a disposizione, per metabolizzare alcuni eventi dolorosi, vissuti nel recente passato. Quali la morte della madre dopo una lunga malattia, il duro divorzio alle spalle (già raccontato in Utopia) e l’allontanamento dei figli, ormai grandi.

Ha scavato, dunque, Björk. Realizzando un nuovo concept album, in cui, come sentiamo nel singolo di lancio Atopos, tra “bassi pesanti e di fascia bassa e sei clarinetti bassi, ci annidiamo e scaviamo nel terreno”, tutti insieme, per connetterci.

Ma ha anche pensato al suo ruolo di madre e di figlia che soffre una perdita. Ai suoi antenati e ai suoi discendenti. Al forte legame con la terra d’Islanda, così selvaggia e contraddittoria, tra vulcani, ghiacciai e immense foreste. Tessendo, poi, una vera e propria “ode” del sottosuolo e dei funghi, grazie ai quali, ci trasporta in un mondo fantastico e surreale.

La biological techno

L’artista, da sempre sensibile alla bellezza della natura, ha voluto di nuovo celebrarla. Concentrandosi, questa volta, su funghi, muschi e spore.

Emblematici i brani Fungal City, sotterraneo e misterioso e Mycelia, in cui assistiamo alla nascita di spore e materia viva. Da qui, il neologismo biological techno, che connota lo stile unico di Fossora, definito da lei stessa il suo “mushroom album”. Infatti, come ha raccontato a Rolling Stone Italia, “I funghi agiscono come il sistema nervoso della foresta. Hanno un’energia simile alla tecno”.

I funghi

Poi, in un video su youtube, spiega chiaramente il motivo della loro centralità, camminando a piedi nudi, totalmente immersi nel fango e nel sottosuolo. Racconta di un disco, sì intimo, ma non per questo cupo o buio, come radici affondate in profondità.

Piuttosto, una musica vibrante e frizzante, proprio come sono i funghi, che spuntano all’improvviso dal terreno, portando allegria e leggerezza.

Spiega, infatti, Björk che “i funghi vivono sotto terra, ma per me non sono come le radici degli alberi, troppo austere e imperturbabili”… ”Sono divertenti, psichedelici, frizzanti e spuntano ovunque. E poi penso sia un argomento che non ho mai trattato finora”.

Non a caso, nel video di Atopos, definito da lei stessa, “il passaporto di Fossora”, Björk appare totalmente ricoperta da muschio verde e circondata da funghi e spore che suonano e ballano. Riferimento, quest’ultimo, ai rave che si svolgevano durante il lock-down.

Il “Cornucopia” tour

Il tour partirà il primo settembre da Lisbona e sbarcherà anche in Italia. Due le tappe previste, il 12 settembre al Mediolanum Forum di Assago e il 23 settembre all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno.

Cornucopia sarà uno show di musica, arti performative e visive di altissimo livello. L’artista l’aveva presentato per la prima volta, nel 2019, al centro culturale The Shed a Manhattan, per portare in tour Utopia. Enorme il successo riscosso.

Adesso lo ripropone, promettendo nuove meraviglie e inserendo Fossora. Il quale, per altro, ha ricevuto la nomination Ai Grammy Awards, come Best Alternative Music Album.

I biglietti del tour saranno disponibili dalle 09:00 di venerdì 3 febbraio 2023, su tutte le piattaforme.

Di seguito tutte le date della tournée europea:

  • 01/09 – Altice Arena, Lisbona
  • 04/09 – WiZink Centre, Madrid
  • 08/09 – Accor Arena, Parigi
  • 12/09 – Mediolanum Forum, Milan
  • 16/09 – O2 Arena, Praga
  • 19/09 – Wiener Stadthalle, Vienna
  • 23/09 – Unipol Arena, Bologna
  • 18/11 – Tauron Arena, Cracovia
  • 21/11 – Barclays Arena, Amburgo
  • 24/11 – Quaterback Immodilien Arena, Leipzig
  • 28/11 – Hallenstadion, Zurigo, 02/12 – Zénith, Nantes, France
  • 05/12 – Arkéa Arena, Bordeaux

Björk Locandina del tour europeo Cornucopia

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili