venerdì, Luglio 19, 2024

Bioeconomia circolare e rifiuti, esempi virtuosi di grandi eventi

Ultime News

AL “TERRA MADRE – SALONE DEL GUSTO 2022” DI TORINO, DIMOSTRAZIONE DI COME, CON L’UTILIZZO DI SACCHI E STOVIGLIE IN BIOPLASTICA COMPOSTABILE E LA CORRETTA RACCOLTA DEI RIFIUTI ORGANICI, I GRANDI EVENTI POSSONO DIVENTARE ESEMPI VIRTUOSI DI BIOECONOMIA CIRCOLARE

È in corso di svolgimento “Terra Madre – Salone del Gusto 2022”, lo storico appuntamento biennale che Slow Food organizza a Torino.

Fino al 26 settembre, l’evento internazionale dimostrerà come l’utilizzo di sacchi e stoviglie in bioplastica compostabile sia positivo per la gestione dei rifiuti organici.

L’occasione farà comprendere come trasformare il problema rifiuti in un virtuoso esempio di bioeconomia circolare grazie alla partnership realizzata con Biorepack.

Quest’ultimo è il consorzio nazionale per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile che contribuirà alla corretta gestione del riciclo degli imballaggi.

L’obiettivo è di promuovere la conoscenza di un modello di bioeconomia a livello internazionale. L’aumento di quantità e qualità della FORSU (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) è determinante per la produzione di compost e per i terreni agricoli.   

A Torino un evento per spiegare come trasformare i rifiuti in bioeconomia circolare

Nel Parco Dora, cuore pulsante della manifestazione, i visitatori e i delegati di Terra Madre troveranno trentacinque isole ecologiche presidiate dai volontari di Eco dalle Città.

I tecnici di Biorepack si sono occupati della formazione delle sentinelle che in ciascuna isola spiegheranno come effettuare la raccolta dell’organico e delle stoviglie compostabili. Dietro all’uso e al corretto conferimento di tali prodotti si celano infatti vantaggi ambientali, sociali ed economici.

Gestire bene la frazione umida significa garantire agli impianti di compostaggio un’importante materia prima da trasformare in prezioso compost. Quest’ultimo viene poi destinato ai terreni agricoli che potranno utilizzarlo come fertilizzante naturale al posto dei prodotti chimici. In questo modo si restituisce sostanza organica ai suoli e si realizza una filiera di bioeconomia circolare che fa bene al tessuto produttivo del Paese.

Dalle isole ecologiche al compost per le imprese agricole

Nelle trentacinque isole ecologiche attivate al Salone del Gusto 2022 saranno utilizzati 2200 sacchi in bioplastica all’interno dei quali conferire i rifiuti compostabili. Ciò fa comprendere quanto sia rilevante la raccolta dell’organico rispetto al totale dei rifiuti.

Per l’indifferenziato i sacchi saranno “appena” 1600. L’ennesima prova di quanto può diminuire la quantità di rifiuti attraverso la corretta gestione della FORSU.

I sacchi in bioplastica saranno poi gestiti dalla multiutility torinese IREN che li invierà al suo impianto di compostaggio di Santhià. Al termine della manifestazione, Slow Food provvederà a rendicontare la quantità di FORSU intercettata e la quota di imballaggi in bioplastica in essa contenuta. Ciò permetterà di calcolare anche la quantità di compost che sarà possibile realizzare e distribuire alle imprese agricole.

Nei giorni del Salone del Gusto, lo stand di BIOREPACK fornirà tutte le informazioni sul riciclo degli imballaggi in bioplastica e della frazione organica materiali.

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili