giovedì, Luglio 18, 2024

Babbo Natale porta doni agli animali del Parco di Bussolengo

Ultime News

È ARRIVATO IN ANTICIPO BABBO NATALE CON IL SUO CARICO DI DONI DA DISTRIBUIRE AGLI OSPITI DEL PARCO NATURA VIVA DI BUSSOLENGO (VERONA). È STATA UNA GIORNATA DI FESTA CONDIVISA CON I SIMPATICI OSPITI E I LORO CUSTODI, ATTENTI A TUTTE LE LORO ESIGENZE

Quest’anno Babbo Natale è arrivato in anticipo per gli animali dei sentieri d’Africa al Parco Natura Viva di Bussolengo. Niente elfi a presiedere il confezionamento dei regali, stavolta i suoi aiutanti sono stati i custodi.

Scimpanzé, suricati, lemuri e bertucce hanno distrutto una slitta di cartone, strappato caramelle di carta ripiene di carrube e raggiunto sacchetti di frutta secca. Hanno slegato nodi strettissimi di mais con piselli che Marco, Simone, Giulio e Sara hanno pensato per loro. Nessuno meglio dei custodi è in grado di conoscere dinamiche sociali e peccati di gola di ogni esemplare ospitato. E farlo felice con un pranzo di Natale imprevisto. 

Babbo Natale al Parco Natura Viva di Bussolengo, scimpanzé e suricati “soddisfatti”

Con l’arrivo di Babbo Natale, nel Parco si sono viste le usuali scene degli animali intenti a impossessarsi dei loro regali. Solite ruberie dagli scimpanzé, dove chi gode di un ruolo sociale apicale si impossessa di un numero maggiore di regali.

«Samy e Tommy, maschio e femmina dominante – spiega Marcosi sono accaparrati anche dieci, dodici “caramellone” ripiene di carrube e noci mentre i subalterni accedono a uno o due. Per questo lanciamo sempre regali in abbondanza, in modo da evitare tensioni».

Tutt’altra storia per i suricati, dove tutti tentano di prendere tutto: «Abbiamo costruito una slitta, un camino e delle calze appese – aggiunge Giulioin cui abbiamo nascosto le loro adorate tarme della farina. Hanno distrutto tutto non lasciando nemmeno un tarma e creando un grande caos divertente».

Doni golosi per lemuri e bertucce

Nemmeno la bassa temperatura fuori dalla serra riscaldata ha potuto contenere la curiosità di alcuni lemuri. Gli esemplari sono usciti, hanno spazzolato i regali appesi e sono rientrati con una certa fretta. «Però non tutti hanno avuto questo coraggio – conclude Simoneanche se arachidi e frutta secca sono stati un ottimo incentivo. Loro non sono molto abili nella manipolazione e allora infilano direttamente il muso nel sacchetto».

Questione di strategia, invece, per le undici bertucce: «Abbiamo annodato mais e piselli in maniera molto stretta dentro delle stoffe natalizie – spiega Sarain modo che potessero esercitare la loro abilità manipolativa. Ma hanno impiegato davvero molto poco ad aprirle e a raggiungere il contenuto».

Le feste sono ancora lunghe e le specie molte, largo alla fantasia succulenta dei custodi per Capodanno e la Befana.

PHOTOGALLERY

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili