sabato, Giugno 25, 2022

Ancona, XIX Meeting della Rete Città Sane-Oms

Ultime News

RIMETTERE AL CENTRO LA SALUTE TERRITORIALE E LA PREVENZIONE. SE NE È DISCUSSO AD ANCONA NEL XIX MEETING DELLA RETE CITTÀ SANE-OMS

Si è concluso nei giorni scorsi il XIX Meeting Nazionale della Rete Città Sane-Oms di Ancona con on la premiazione degli Oscar della Salute 2020-2021.

Diversi sono stati i riconoscimenti ai migliori progetti in materia di prevenzione sanitaria e benessere. A vincere l’Oscar per gli anni 2020 e 2021 sono state Bari e Bologna, rispettivamente per la nuova “Food Policy” cittadina e per “Salus Pace”.

Si tratta di progetti di riqualificazione rivolti ai più fragili. In tutto, sono state dodici le menzioni per comuni sia grandi che piccoli. Premiate anche Padova, Ancona, Udine, Sacile, Molfetta, Forlimpopoli, Bergamo, Oliveri, Ponte di Piave e di Zero Branco e Ragusa. I premi, sei per anno, sono stati realizzati dal Museo Omero.

Il XIX Meeting nazionale della Rete Città Sane-Oms

L’evento si è svolto dal 9 al 10 giugno negli spazi della Mole Vanvitelliana, l’antico Lazzaretto cittadino e presidio sanitario del capoluogo marchigiano. Tra i tanti temi all’attenzione della Rete, anche “l’insegnamento con empatia”, illustrato dalla psicologa Daniela Lucangeli dell’Università di Padova nella sua lezione “Dal ti curo all’I care”.

Occhi puntati anche su alimentazione, stili di vita sani, clima e ambiente, per un benessere di tutti. Sono state ricordate le tappe principali dell’associazione, attiva dal 1995, per favorire la collaborazione tra le Aziende sanitarie e i Comuni. Ciò per migliorare la qualità dei servizi per la salute e l’integrazione sociosanitaria.

Focus sulle azioni che i Comuni possono mettere in campo per prevenire la trasmissione delle arbovirosi. Queste patologie giungono agli esseri umani con punture o morsi di animali come zanzare e zecche.  

Si è, inoltre, discusso dell’impatto dei cambiamenti ambientali sulla salute, soprattutto dei più piccoli. È stata più volte sottolineata l’importanza di rimettere al centro la medicina territoriale.

Cos’è la Rete Italiana Città Sane

In Italia, il progetto Città Sane è partito nel 1995 come movimento di Comuni per poi diventare nel 2001 Associazione senza scopo di lucro.

La Rete aderisce al movimento Healthy Cities dell’OMS ed è l’unica associazione italiana accreditata presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Recependo le indicazioni di quest’ultima, la Rete pone al centro della sua azione la collaborazione fra le città, presidio della salute sul territorio.

La Rete attiva a livello locale progetti di promozione della salute pubblica. Attualmente aderiscono alla Rete oltre settanta Comuni italiani e la Regione Emilia-Romagna. 

Obiettivo dell’associazione è rendere più snelle le procedure di attuazione per la prevenzione sanitaria e porsi come supporto alle istituzioni.

I Comuni associati puntano a costruire, insieme al Coordinamento nazionale, un percorso condiviso di raccolta, analisi e diffusione delle buone pratiche messe in campo sui territori.

Ciò al fine di promuovere corretti stili di vita, prevenire le malattie e migliorare la qualità di vita dei cittadini. Tra i temi principali del progetto ci sono anche la pianificazione urbana per la salute, la valutazione di impatto sulla salute e l’invecchiamento in salute.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili