Amianto nel borotalco per neonati: Johnson & Johnson condannata

Johnson & Johnson condannata da corte USA perché il suo borotalco conterrebbe amianto

Johnson & Johnson, multinazionale statunitense che si occupa della produzione di prodotti farmaceutici e per la cura personale, è stata condannata dal tribunale americano di St. Louis (Stati Uniti) per la presenza di amianto nel suo borotalco. Le fibre di asbesto sono ritenute responsabili del cancro alle ovaie di ventidue donne.

Il borotalco prodotto da Johnson & Johnson conterrebbe amianto

La decisione della giuria del tribunale del Missouri (USA) è arrivata al termine di un processo durato cinque settimane, nel corso del quale sono state ascoltate decine di esperti.

Il verdetto, secondo la portavoce dell’azienda Carol Goodrich, «è il prodotto di un processo fondamentalmente ingiusto». Per Johnson & Johnson, i prodotti non contengono asbesto e non causerebbero il cancro alle ovaie; «i molti errori presenti in questo processo – ha insistito Goodrich – sono stati peggiori di quelli nei precedenti processi che sono poi stati capovolti».

La giuria americana ha stabilito, in un primo momento, in 550milioni di dollari, cioè circa 25milioni di dollari per ognuna delle ventidue donne rappresentate nel processo, i danni compensativi. Però, dopo un nuovo consiglio, la corte ha deliberato anche i danni punitivi (con sentenza 05/07/2017 n° 16601, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono espresse sulla compatibilità del risarcimento punitivo con il sistema giuridico italiano – ndr) quantificandoli in 4,14 miliardi, per un totale di 4,69miliardi di dollari.

«L’Osservatorio Nazionale Amianto ha commentato l’avvocato Ezio Bonanni presidente dell’associazione ha da tempo proposto che anche in Italia venga adottato il criterio del danno punitivo, piuttosto che il profilo penale, in modo da dissuadere situazioni analoghe».

Mark Lanier, l’avvocato delle ventidue donne che hanno rivelato di essere affette di cancro alle ovaie, ha accusato duramente la Johnson & Johnson di essere a conoscenza dell’amianto contenuto nei suoi prodotti al talco e di aver tenuta nascosta l’informazione al pubblico, difendendo l’immagine del borotalco per bambini come la «sua mucca sacra». La Johnson & Johnson – ha aggiunto Lanier – avrebbe anche «truccato i test per evitare di mostrare la presenza di asbesto».

«Come se la vendita di un prodotto potenzialmente pericoloso per la salute umana, potesse valere più della vita stessa dell’uomo – ha commentato Bonanni -. La società, infatti, continua a difendersi e rinnegare le accuse, affermando addirittura di essere al centro di un processo ingiusto».

Questa condanna conferma le tesi sostenute da anni dall’Osservatorio Nazionale Amianto. L’associazione che tutela le vittime dell’amianto, infatti, aveva segnalato già da qualche tempo il pericolo delle fibre contenute nel talco.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.