sabato, Giugno 25, 2022

Alla scoperta della Posidonia oceanica

Ultime News

Il progetto Life SEPOSSO, “Supporting Environmental governance for the POSidonia oceanica Sustainable transplanting Operations”, conseguito con il contributo della Commissione Europea, a questo scopo, ha realizzato un video-fumetto sulla Posidonia oceanica.

Un video-fumetto per sensibilizzare la gente alla tutela dell’ambiente

La Posidonia oceanica è una pianta nata come specie terrestre. Milioni di anni fa si è poi adattata alla vita acquatica.

La Posidonia oceanica è un elemento importante per la protezione degli ecosistemi del Mar Mediterraneo. L’importanza della posidonia mediterranea sta nel suo ruolo primario. Come tutte le piante, è in grado di catturare anidride carbonica (CO2) ed emettere ossigeno.

Il più ampio “polmone verde sommerso” – quasi 8mila ettari – si trova nell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi, arcipelago a cavallo tra basso Tirreno e canale di Sicilia.

Come tutte le piante, ha fiori, frutti e, soprattutto, radici, che salvano il terreno dall’erosione. Le praterie offrono habitat e nutrimento a pesci e invertebrati di cui si nutre il cavalluccio marino, per esempio.

Anche i banchi di foglie morte di Posidonia oceanica, che si possono trovare a riva rivestono un ruolo non meno importante. Infatti, questi riducono l’energia delle onde, limitando, così, l’erosione del suolo, della spiaggia e delle dune.

La “foresta tropicale del Mediterraneo”, come viene anche chiamata, negli ultimi cinquant’anni ha subito una riduzione del 34% in molte aree del nostro mare, sia a causa di fattori naturali, sia a causa dell’azione dell’uomo.

Per compensare i danni causati dalla pesca con le reti a strascico, da costruzioni marittime, dall’inquinamento delle acque costiere, dall’ancoraggio, dalle spiagge artificiali e anche dalla stessa eliminazione delle foglie morte dalle spiagge, il progetto Life SEPOSSO, la traduzione italiana dell’acronimo inglese è “Fornire supporto alla governance ambientale nelle operazioni di trapianto sostenibile di Posidonia oceanica”, affronta la questione del trapianto della specie.

La ricerca europea, di cui Ispra è capofila, che si avvale della collaborazione di numerosi stakeholder, «vuole individuare le migliori pratiche e dar vita a strumenti, anche informatici, che permettano di aumentare l’efficacia e il controllo dei trapianti».

Trapianto di Posidonia oceanica del Mediterraneo

Il primo e più esteso trapianto di Posidonia del Mediterraneo si compie al largo di Civitavecchia, (città metropolitana di Roma Capitale), tra il 2004 e il 2005. Oltre 300mila talee sono state innestate su 10mila metri quadrati di fondale.

A distanza di quattordici anni dal trapianto, i ricercatori fanno sapere che la prateria di Posidonia oceanica è molto simile a quella naturale. Però, circa 2mila metri quadrati di piante sono stati trascinati via dal moto ondoso e dagli oggetti trasportati dalle correnti.

Per migliorare l’efficacia della pianificazione e del controllo delle attività di trapianto serviranno idee innovative, buone pratiche e strumenti software avanzati.

Questo, a sua volta, permetterà di contribuire all’applicazione della legislazione ambientale europea (EIA-2014/52/EU e MSP-2014/89/EU) e di sensibilizzare i cittadini sull’importanza e sul rispetto delle praterie di Posidonia oceanica e dei siti marini della Rete Natura 2000.

La storia didattica “Alla scoperta delle praterie di Posidonia oceanica” si trasforma in un fumetto animato. È stata proiettata in anteprima nell’ambito della mostra del fumetto “Terra di China”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Numero verde ONA

spot_img
spot_img
spot_img

Consulenza gratuita

    Articoli simili